La bontà del gelato Made in Sicily non teme confronti.

L’estate in Sicilia è bella per molti motivi, alcuni dei quali passano dai bar e dalle pasticcerie. Per combattere le giornate più calde, infatti, non c’è niente di meglio dei gelati siciliani artigianali, quelli della tradizione. Ricette che hanno fatto la storia e che, ancora oggi, rappresentano un rituale irrinunciabile, cui non si sottraggono nemmeno i turisti. La nostra Isola, in tal senso, ha davvero tanto da offrire, riuscendo a soddisfare le esigenze di tutti. I gusti più classici, naturalmente, sono quelli che rispecchiano i prodotti tipici. Spazio, dunque, agli agrumi e ai gelsi, alla cannella e al gelsomino, al pistacchio, al caffè e alla mandorla. Vi sarà sicuramente capitato di vedere nelle vetrine delle gelaterie alcune “mattonelle” di gelato, oltre ai classici tronchetti. O anche singole “cupolette” dalla forma allungata: ecco, quelli sono alcuni dei gelati più classici: scopriamoli insieme.

Gelati Siciliani della Tradizione

Cominciamo dal Pezzo Duro, chiamato anche Scumuni o Spumone. È un gelato a due gusti, cui si aggiunge un particolare pan di Spagna. Le origini sono antichissime e localizzate nell’area salentina e del napoletano. Da lì è stato pienamente adottato nella nostra Isola. Lo Scumuni risale all’epoca della dominazione araba in Sicilia. Era molto diffuso a Catania e provincia, in occasione di importanti festività. In alcune zone è più arrotondato, quindi si chiama Bombetta. La ricetta è stata modificata e adattata in diversi modi. Di solito si utilizzano due gusti di gelato e una preparazione simile al pan di Spagna, al centro. E non finisce qui.

Spongati, Tronchetti e Briosce

Alcune gelaterie non mettono in pan di Spagna e lasciano solo il gelato, mentre altre (soprattutto nel Palermitano) dividono i gusti di gelato con uno strato di panna. A Catania si realizza come uno zuccotto, per poi essere tagliato a fette. A volte, insieme alla panna, ci sono anche delle gocce di cioccolato. Il gelato ha una consistenza dura, caratteristica che ne giustifica il nome. Diverso, invece, è lo Spongato. In origine era un saporito sorbetto racchiuso tra fette di pan di Spagna ben inzuppate nel rum. Con il tempo, ha finito genericamente per indicare i gelati serviti in coppa. Il classico gelato da portare in dono, soprattutto quando si è invitati a pranzo o a cena, è il tronchetto. Il nome dice tutto: metà cilindro di gelato con uno strato sottile di pan di Spagna, che può includere panna. Viene preparato con ogni gusto che vi viene in mente. E ne esiste anche una versione davvero retrò: ve ne parliamo subito.

Se sentite parlare di Giardinetto, sappiate che si tratta di un tronchetto di forma rettangolare, con gelato ai gusti di fragola, limone e pistacchio. Sulla parte superiore c’è una cascata di canditi. Qualora abbiate voglia, invece, di qualcosa “da passeggio”, non abbiate dubbi: scegliete una bella brioche con il gelato, non vi deluderà!

Articoli correlati