Indovinelli siciliani tutti da leggere.

Abbiamo raccolto per voi gli indovinelli della Sicilia più divertenti. È davvero interessante scoprire tutte queste frasi, perché ci aiutano a conoscere meglio la nostra Isola. Alcuni sono davvero singolari, altri puntano sui doppi sensi, altri ancora si configurano come veri e propri rompicapo. Quel che è certo, è che una volta che avrete iniziato a leggerli, non potrete davvero più smettere! A rendere così interessanti i nostri indovinelli, è la loro sagacia. Attraverso pochissimi indizi, riescono a suscitare tante risposte. Vi garantiamo che vi faranno “sfirniciare” (cioè “scervellare”) come si deve. Vi suggeriamo di utilizzarli per trascorrere delle ore spensierate Il folklore siciliano regala sempre grandi sorprese.

I migliori indovinelli di Sicilia

  1. Un omu e ‘na fimmina lu puonnu fari, du umini lu puonnu fari, du fimmini nu lu puonnu fari.
    Risposta: La cunfissioni.
  2. Nasci cantannu è nun s’arricampa cchiu.
    Risposta: Lu piritu.
  3. Cu la fa, la fa pi vinnirla,
    cu l’accatta ‘nun la usa,
    cu la usa nun la vidi.
    Risposta: Lu tabutu.
  4. Scinni ridiennu e acchiana chianciennu.
    Risposta: Il secchio del pozzo.
  5. E lu vecchiu si murmuria, mezzu li gammi ci pinnulia!
    Risposta: La coroncina del SS Rosario.
  6. Ravanzi s’accuzza e r’arreri s’allonca.
    Risposta: La strada.
  7. Caminannu caminannu ma vaiu tuccannu…
    Risposta: la tasca.
  8. Berlusconi l’avi luongu, Fini l’avi curtu, lu Papa l’avi ma nn l’usa, lu maritu ti lu prometti, lu zitu ti lu metti… chi cos’è?
    Risposta: Il cognome!
  9. Don Marianu, Don Marianu, chi ci fati duocu ncianu? Nun manciati, nun viviti, siccu e luoncu vi faciti.
    Risposta: L’asparago selvatico.
  10. Haiu na mannira di picuri russi, quannu piscianu, piscianu tutti!
    Risposta: Le tegole quando piove.
  11. O co pilu o senza pilu, rapi i cosci chi ta ‘nfilu! Che cos’è?
    Risposta: La calzetta.
  12. Camina muru muru ca cuffitedda ‘nculu!
    Risposta: La lumaca.
  13. Nun mi tuccari ca ti fazzu mali, ma se mi spuogghi ti fazzu arricriari.
    Risposta: La ficumora.

Il nostro interessantissimo elenco di indovinelli siciliani non finisce certo qui! Pronti per scoprirne ancora?

  1. Tanti la toccunu e tantu vali, si la lanci nun si rumpa, e pocu tempu dura.
    Risposta: La banconota.
  2. O su beddi o su brutti, vaiu tuccannu ‘u rarreri a tutti…
    Risposta: La sedia.
  3. Trasi tranti tranti e nesci modda modda e gocciolanti.
    Risposta: La pasta.
  4. Ahiu, moru, nun mi tuccari. Quannu mi spogghiu mi fazzu manciari.
    Risposta: Fichidindia.
  5. Tunnu, rutunnu bicchiri senza funnu, bicchiri nun è, e allura chi è…
    Risposta: L’anello
  6. Sutt’o liettu ri ma nunna, c’è na cosa tunna tunna, sila vaiu pi tuccari, tuttu u munnu fa trimari.
    Risposta: La campana.
  7. Supra pilu… ncapu pilu… nmezzu c’è lu mariolu… che cos’è?
    Risposta: L’occhio.
  8. A notti pilu cu pilu si ancuccinu.
    Risposta: Le ciglia.
  9. Unn’avi vucca e parla, unn’avi pedi e camina!
    Risposta: La lettera.
  10. A tutti i posti, signura, mi purtati, ma nno’ liettu ccu vui nun mi vuliti.
    Risposta: Le scarpe.
  11. È tunnu e nun è munnu, è a fedda e nun è muluni, spara e nun è cannuni…
    Risposta: U culu.
  12. Ci tagghi ‘a testa, ci tagghi ‘a cura e viri di intra ‘na bedda signura!
    Risposta: Il fico d’India!
  13. È na cosa longa e tisa cu nu paddu chi ci pisa: che cos’è?
    Risposta: La stadera (antica bilancia).
  14. Sidici e sidici trentaduj, l’haju ju e l’aviti vuj e si vuj nun l’aviti siti vecchiu e vi ruditi.
    Risposta: I denti.
  15. Du lucenti, du pungenti, quattru zocculi e na scupa. Cosa è?
    Risposta: La vacca.
  16. Vinni u re di Sirrausa, la purtau longa e pilusa, a reggina ci piacia, ma chiù longa e chiù pilusa la vulia.
    Risposta: La scopa per il tetto.
  17. Chiù la tiri chiù saccurza.
    Risposta: La sigaretta.
  18. Quannu ia vignu ni tia tu l’ha minti ‘nto rarreri a mia, quannu tu vini ni mia ia l’ha mintu ‘nto rarreri a tia. Cosa è?
    Risposta: la sedia.
  19. A figlia un’ na annasciutu e la mamma è capu i casi.
    Risposta: il fumo.

Adesso potete senza dubbio affermare di essere dei veri e propri esperti di indovinelli siciliani!

Articoli correlati