Perché facciamo l’albero di Natale?

  • La risposta è in una dolce leggenda, che ci racconta dell’amore di un boscaiolo per la moglie.
  • Un giorno, mentre stava per tagliare un bell’abete, accadde qualcosa di magico.
  • Ecco cosa vide e perché, da allora, addobbiamo un albero in occasione delle feste.

Avete mai sentito parlare della Leggenda dell’Albero di Natale? Non è una delle classiche leggende che siamo soliti raccontarvi, però abbiamo deciso di riportarla, perché il suo significato è davvero profondo e bello. Questa dolce storia, di origini tedesche, ci spiega perché ogni anno addobbiamo un albero in occasione delle festività natalizie. Si narra che un boscaiolo era sposato con una giovane donna e la amava molto. Ci teneva che lei avesse sempre cose buone da mangiare e che la casa fosse sempre calda, quindi passava molto tempo nei boschi a tagliare la legna. La sera della vigilia di Natale stava tornando a casa, tardi come al solito, quando vide all’improvviso un bell’abete, alto e maestoso. Stava prendendo le misure per capire come tagliarlo, quando accadde qualcosa di magico e inaspettato.

Il boscaiolo si accorse che, tra i rami, complice il buio della notte, riusciva a scorgere le stelle. La luce sembrava proprio brillare tra i rami. Affascinato dallo spettacolo, prese due decisioni. La prima era che avrebbe lasciato l’abete proprio lì. La seconda era che anche la moglie doveva vedere quello stesso spettacolo. Tagliò, quindi, un abete più piccolo e lo portò davanti la casa. L’ accese delle piccole candele, che posizionò sui rami (ovviamente facendo attenzione a non dare fuoco all’albero). La moglie del boscaiolo, dalla finestra, vide l’albero illuminato e ne restò talmente tanto affascinata da fare bruciare l’arrosto. Da quel momento in poi, volle sempre avere un abete illuminato in occasione delle festività natalizie. I vicini, trovando quell’idea bellissima, fecero la stessa cosa. Ed ecco la leggenda dell’albero di Natale!

Articoli correlati