In questi giorni abbiamo vissuto giornate di temperature miti, ma l’alta pressione sta per essere sconfitta e cacciata via da un flusso perturbato Nordatlantico, intenzionato di scendere di latitudine. Secondo gli esperti, dunque, la sua influenza si farà sentire anche sull’Italia.

Fino a venerdì due perturbazioni colpiranno principalmente il settore tirrenico del Centro-Sud con rovesci sparsi e nevicate sugli Appennini sopra i 1000 metri. Nel weekend, invece, una perturbazione più intensa interesserà il Nord e parte del Centro.

Sabato 29 febbraio partirà con un tempo soleggiato su tutte le regioni. Dal pomeriggio si verificherà ad un rapido peggioramento del tempo, con nubi in aumento al Nord e in Toscana e prime piogge al Nordovest.

Domenica il mese di marzo partirà con un fronte perturbato in estension al resto del Nord, alla Toscana, all’Umbria e fino al Lazio. Le piogge risulteranno moderate o forti su Lombardia e Nordest, la neve scenderà copiosa sulle Alpi a partire dagli 800 metri circa. Qualche rovescio interesserà anche Toscana, Lazio e Umbria.

Questa perturbazione aprirà la strada a un più marcato peggioramento atteso da lunedì e poi martedì quando la formazione di un vortice ciclonico provocherà una fase di maltempo a tratti intenso che colpirà quasi tutta l’Italia.

Articoli correlati