Miriam Leone sorride felice nella sua terra d’origine. L’attrice è attualmente impegnata sul set della serie “I Leoni di Sicilia“: si gira a Palermo e l’occasione è ideale per godersi un tuffo nel mare di Isola delle Femmine.

Mare d’ottobre tra un set e l’altro per Miriam Leone

Ancora una volta la Sicilia torna protagonista nei video e nelle foto che l’attrice catanese condivide sui social. Al momento, Miriam è impegnata a Palermo per la serie “I Leoni di Sicilia” ed è riuscita a incastrare tra una ripresa e l’altra un po’ di relax nello splendido mare di ottobre. Inconfondibile, nei suoi video, l’isolotto a due passi dal capoluogo.

Con la complicità di un anticiclone che ha portato nella nostra Isola temperature praticamente estive, Miriam Leone sorride con la celebre Isola delle Femmine sullo sfondo, immersa in un mare cristallino. Sui social, come sottofondo, ha scelto un brano che sottolinea ancora di più la sua gioia: “Ma che rumore fa la felicità?” dei Negrita.

Insieme a lei c’è il marito, Paolo Carullo, che con Miriam condivide le origini siciliane. Proprio uno dei video girati da Carullo è stato ricondiviso sull’account dell’attrice, che ha pubblicato poi la Storia che la ritrae in acqua.

Non servono molte parole per esprimere la sua contentezza: “Grazie“, scrive, rimarcando ancora una volta il profondo legame che ha con la sua Isola d’origine. Immancabile il suo hashtag #accussì, un richiamo alla lingua siciliana e all’orgoglio dell’appartenenza a questi luoghi. La giornata palermitana di Miriam Leone è andata avanti con una cena in un ristorante nel centro storico del capoluogo.

Le riprese de “I Leoni di Sicilia” proseguono con un set dopo l’altro. La serie, in 8 puntate, andrà in onda su Disney+. La troupe è già stata a Favignana e nella zona del trapanese, quindi si è spostata a Palermo, dove si girerà ancora per un po’.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati