Il Museo del Cioccolato a Modica celebra un pregiato prodotto, raccontandone storie e sapori. È stato inaugurato nel 2014, in un’ala del Palazzo della Cultura di Modica, e offre ai visitatori un itinerario coinvolgente, che svela curiosità e aneddoti. All’interno si trova un’interessante mostra documentario-bibliografica, dal titolo “Il cioccolato di Modica nelle carte dei Grimaldi – 1746/1915”, che raccoglie una vasta quantità di fogli e manoscritti, su trenta pannelli.

Questi raccontano la storia del cioccolato dall’era precolombiana in poi, oltre alla sua evoluzione, dal chicco al prodotto finito. In altre stanze vi sono diverse sculture di cioccolato: una golosa e particolare galleria.

I visitatori rimangono stupiti di fronte alla miniatura in cioccolato dell’Italia. Si tratta di un grande bassorilievo, di circa 9 metri, sistemato nel salone più grande: è interamente realizzato in cioccolato e ogni capoluogo di regione ha le sculture rappresentative. Il museo ospita anche le medaglie d’oro e le onorificenze conquistate dalle fabbriche modicane di cioccolato nelle esposizioni internazionali, dal 1905 al 1910. Ancora, la galleria degli incarti speciali permette di ammirare le realizzazioni prodotte dal Consorzio in occasione di eventi e anniversari.

Il Museo del Cioccolato di Modica celebra fecondo legame tra il cioccolato, attrattore turistico-culturale, e il territorio, significativo catasto dei beni paesaggistici, artistici e antropologici, ha sollecitato i responsabili museali a puntare sui servizi di fruizione, sui laboratori sensoriali e sulla storica gestualità di manipolazione, riproposta nella sezione del “dammusurociucculattaru”, evocante l’originaria postura del cioccolatiere modicano, custode dell’ispanica impronta pervenuta nella Contea di Modica almeno fin dalla prima metà del Settecento.