Andrea Camilleri oggi avrebbe compiuto 94 anni. Lo scrittore siciliano è morto lo scorso 17 luglio, dopo un lungo ricovero. Il Maestro, così come in tanti amavano chiamarlo, era nato a Porto Empedocle (Agrigento) il 6 settembre del 1925. È rimasto in Sicilia fino all’età di 18 anni, trasferendosi poi a Roma.

Scrittore, sceneggiatore, regista, drammaturgo e insegnante, è stato tradotto in almeno 120 lingue, tra cui inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, irlandese, russo, polacco, greco, norvegese, ungherese, giapponese, ebraico e croato)e ha venduto più di 10 milioni di copie.

Forse non tutti lo sanno, ma è stato anche attore, interpretando la parte di un vecchio archeologo nel film del 1999 di Rocco Mortelliti “La strategia della maschera”. Il film giallo, narra gli eventi che si svolgono tra la Sicilia e Roma relativi alla sparizione di preziosi reperti archeologici. Di quell’esperienza, disse: «Non è la mia prima volta da attore, mi è capitato anni fa in “Quel treno da Vienna”, secondo di tre film per la televisione tratti dai romanzi di Corrado Augias, con Jean Rochefort. Io facevo il suo capo nei servizi segreti».

Se quello da attore è stato un ruolo secondario, lo stesso non si può dire della carriera come scrittore. Dalla penna di Camilleri è nato, infatti, il personaggio del Commissario Montalbano. La fiction Rai ispirata ai romanzi è una delle più amate di tutti i tempi.

La notorietà come scrittore è arrivata negli anni Novanta.

Con le sue opere, Andrea Camilleri ha fatto conoscere la Sicilia e la Sicilianità in tutto il mondo. In tanti gli hanno reso omaggio, dopo la morte, e anche noi vogliamo ricordarlo nel giorno di questo suo compleanno mancato.