Palazzo Castelluccio a Noto è un trionfo di glamour e Barocco. L’antica dimora, riportata allo splendore dopo anni di ristrutturazione, è una delle location da favola del musical Cyrano di Joe Wright.

Palazzo Castelluccio set di Cyrano

Il palazzo siciliano del XVIII secolo include un sontuoso piano nobile con una grande collezione di mobili, oggetti d’antiquariato, dipinti e affreschi d’epoca. Palazzo Di Lorenzo del Castelluccio apparteneva a una delle più antiche famiglie di Noto, i De Lorenzo, marchesi del Castelluccio.

Fu costruito nel 1782, in seguito allo sconvolgente terremoto del 1693, che distrusse il Val di Noto. La sua facciata, su via Cavour, non segue il tipico stile barocco delle ricostruzioni dell’epoca, ma si ispira a un gusto di stampo neo-classico, in voga alla fine del XVIII secolo. Questo stile si ritrova anche negli affreschi delle volte e delle pareti del piano nobile.

Nel marzo del 2022 il palazzo risplende tra le location di Cyrano, il film-capolavoro girato interamente in Sicilia. I pavimenti originali in ceramica siciliana sono stati ripuliti e preservati, mantenendo l’eleganza e lo smalto di un tempo. Ci sono voluti quattro anni per riportare il Palazzo Castelluccio al suo antico splendore, nel rispetto del suo stile e della sua storia.

Affreschi e mobili antichi per una location da favola

Appartiene al produttore e presentatore televisivo Jean-Louis Remilleux, che ha anche ricevuto la cittadinanza onoraria di Noto. Quando Remilleux visitò per la prima volta il palazzo, l’edificio era in uno stato disperato, rimasto vuoto per decenni dopo la morte dell’ultimo marchese di Castelluccio.

Gli affreschi sono stati puliti e restaurati, i tessuti sostituiti, la carta da parati argentata riprodotta fedelmente. La collezione di mobili e dipinti italiani e siciliani restituisce l’atmosfera tipica di un palazzo d’epoca.

La sala della musica, la cappella, il salone da ballo, la galleria conferiscono all’antica residenza dei Di Lorenzo del Castelluccio potenza estetica e magnificenza.

Dopo la morte dell’ultimo Marchese, il palazzo è stato ereditato dall’Ordine dei Cavalieri di Malta che ne ha mantenuto il possesso fino al 2011. L’antica dimora dei Di Lorenzo è rimasta inabitata per 12 anni, fino a quando l’attuale proprietario ne ha preso possesso trasformandola in una vera e propria casa – museo abitabile ed accessibile ai visitatori.

Il proprietario ha assunto la direzione della ristrutturazione. Gli indizi sugli interni originali erano pochi. Remilleux ha affidato le pareti all’artista Alexandrine Stordeur.

Stordeur vive a Noto e ha già lavorato con Jacques Garcia, incluso tra gli di AD100 francesi. Tra le altre cose, ha disegnato gli spettacolari dipinti trompe l’oeil verdi e rosa nella sala d’ingresso.

Le piastrelle colorate, tipicamente siciliane, risalgono al XVIII secolo. Su di esse si possono vedere le tracce lasciate dai residenti e dai visitatori di un tempo. Remilleux ha raccolto in prima persona i mobili antichi, i dipinti e altri oggetti d’arte decorativa, così che molte delle stanze sono ora affascinanti camere di meraviglia. Photo credit: Peter Mountain © 2021 Metro-Goldwyn-Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati