Torna l’evento che porta le note in città.

  • Piano City Palermo 2021 dal 24 al 26 settembre.
  • Il festival porta le melodie del pianoforte in strade, piazze e quartieri.
  • Tutto quello che c’è da sapere per assistere ai concerti.

Anche quest’anno si rinnova a Palermo l’appuntamento con Piano City, il festival che fa riecheggiare le note e le melodie del pianoforte per le strade, le piazze e i quartieri del capoluogo siciliano. L’edizione 2021 si svolgerà dal 24 al 26 settembre. L’evento ha scelto oltre 10 luoghi-simbolo della città, ognuno pensato ad hoc per le condizioni particolari del periodo che stiamo vivendo. Un mosaico di storia e musica che darà spazio a giovani talenti, ospiti nazionali e internazionali: tutti pronti a far emozionare il pubblico con le loro composizioni originali, le prime esecuzioni assolute e gli omaggi ai grandi musicisti. Tutti i concerti saranno a ingresso gratuito previa prenotazione obbligatoria e sarà possibile accreditarsi da mercoledì 15 settembre dalle ore 15, cliccando qui. Ecco tutti i dettagli.

Piano City Palermo 2021, l’evento

Per partecipare agli eventi in programma per Pianto City Palermo 2021 sarà necessario mostrare la Certificazione verde COVID-19 (Green Pass), come previsto dal decreto-legge 23 luglio 2021 n. 105. In assenza del documento, non sarà consentito l’accesso all’evento. Piano City nasce nel 2017,  dall’omonimo festival milanese, per creare un ponte culturale tra le due città. L’edizione 2019 ha registrato un record di presenze (oltre 40 mila spettatori) e ha coinvolto più di 50 artisti. La Direzione Artistica è di Ricciarda Belgiojoso. Si tratta di un progetto di Associazione Piano City Milano, della Fondazione Teatro Massimo e del Comune di Palermo, in collaborazione con il Conservatorio di Musica di Palermo, con il patrocinio della Regione Siciliana e dell’Università degli Studi di Palermo.

Il festival è possibile grazie alla collaborazione con Hermès in sostegno ai talenti e con Fondazione Bracco. Piano City è un progetto partecipato: la cittadinanza, i privati e i partner culturali collaborano insieme per una fruizione dei luoghi sempre più vivibile e aperta. Una scommessa che ha incontrato l’entusiasmo e il sostegno dell’intero tessuto culturale e sociale della città: musicisti, aziende, media, istituzioni e associazioni.

Articoli correlati