Si sente spesso parlare di proprietà e benefici del cioccolato fondente e diverse ricerche sembrano proprio confermare i suoi effetti positivi sul nostro organismo. Per la sua produzione si miscela la pasta di cacao con ingredienti o aromi e molto importante è proprio la percentuale di cacao: per chiamarlo tale, deve essere composto da almeno il 45% di pasta di cacao.

Più pregiato di quello al latte, è anche meno calorico. Ovviamente, le calorie variano a seconda di marca e composizione, ma siamo sulla media di 500/600 calorie per 100 grammi di prodotto.

Facendo una prima, veloce panoramica, secondo gli esperti il cioccolato fondente può prevenire disturbi come ipertensione, depressione e malattie cardiometaboliche.

Benefici del cioccolato fondente

Il cioccolato fondente contribuisce al processo fisiologico di rilascio delle endorfine, quelle sostanze che portano allegria e buonumore. L’azione della feniletilamina contrasterebbe la depressione. Secondo uno studio della Brown University, una dose giornaliera di cioccolato fondente farebbe bene al cuore, abbassando il colesterolo (grazie ai flavonoidi).

Tra le altre proprietà del cioccolato fondente, ci sarebbe la capacità di ridurre la pressione del sangue, grazie a quegli stessi polifenoli che si trovano nel vino rosso. Una tazza di cioccolato caldo, secondo Science Daily, avrebbe ancora più antiossidanti di una tazza di tè verde.

Il cioccolato fondente è ricco di minerali. Contiene ferro, magnesio, rame, potassio, fosforo, zinco e calcio.

Quale cioccolato fa bene?

Affinché apporti benefici, è imporante che il cioccolato fondente abbia almeno il 70% di cacao. Si consiglia di consumare una quantità che vai dai 20 ai 50 grammi al giorno. Esiste anche la dicitura “cioccolato amaro” ed “extra-amaro” che ha una percentuale molto alta di cacato, tra l’85% e il 90%.

Controindicazioni

Il cioccolato fondente va consumato senza eccessi. Contiene allergeni e sono state segnalate reazioni allergiche, come quelle alla fenilalanina. Non bisogna, inoltre, abusare del cioccolato qualora si soffra di emicrania o si abbia una predisposizione ai calcoli renali.

Articoli correlati