Uno dei proverbi siciliani più famosi

Ci sono proverbi siciliani entrati ormai nell’immaginario collettivo come vere e proprie rappresentazioni della sicilianità. Basta pensarli, per sentirsi subito trasportati sulla nostra Isola, a contatto con i suoi usi e le sue tradizioni. Molti di quei proverbi chiamano in causa il cibo e la buona tavola e creano metafore proprio sulla base delle abitudini in tal senso. Oggi vogliamo parlarvi di una frase diventata iconica: Cu mancia fa muddichi. L’avete sicuramente sentita dire, l’avete sicuramente utilizzata ed è proprio per questo che vogliamo dedicarle un po’ di tempo.

Cosa vuol dire Cu mancia fa muddichi?

Per capirne meglio il senso, partiamo da una semplice traduzione: “Chi mangia fa briciole”. Certo, non si può dire che il significato sia diventato chiaro, quindi facciamo qualche passo in avanti. Questo proverbio ci ricorda che, quando si fa qualcosa, inevitabilmente si commette qualche errore. Se si mangia, dunque, è normalissimo lasciare qualche briciola (che, peraltro, si può ripulire senza troppa fatica). In fondo, non c’è nulla di male in qualche piccola sbavatura, sempre che non si esageri. Occhio, dunque, a non confondere i piccoli scivoloni con gli errori madornali!

Se vi piacciono i proverbi siciliani, sicuramente troverete interessanti anche questi:

  • Munti cù munti non s`incontrunu mai
    I monti non s’incontrano mai con altri monti.
  • Prima ‘i parrari mastica i paroli
    Prima di parlare mastica le parole.
  • Quannu la furtuna vota ogni amicu s’alluntana
    Quando la fortuna volta le spalle tutti gli amici si allontanano.
  • Servu d`autru si fa cu dici i sigretu ca sapi
    Chi racconta i propri segreti si fa servo degli altri.
  • Zoccu ora si schifia veni lu tempu ca si ddisia
    Quello che adesso si disprezza un giorno sarà desiderato.

Foto: Wry&GingerLicenza.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati