Fatti a nomina e va curcati: avete mai sentito questo proverbio siciliano?

Si tratta di uno dei più famosi, quindi è molto probabile che lo abbiate utilizzato o che lo abbiate sentito pronunciare a qualcuno. Anche in questo caso, la saggezza popolare ci viene incontro con un utile consiglio. Abbiamo più volte sottolineato come i proverbi, in passato, fossero considerati alla stregua di regole. Quel che è certo, è che ci aiutano a conoscere la Sicilia di un tempo, le sue usanze e le sue abitudini.

Cosa significa, dunque, Fatti a nomina e va curcati? La traduzione è semplice: “Fatti la fama e vai a dormire”.

Il significato è presto detto. Quello che si dice di qualcuno, l’opinione diffusa che si ha nei confronti di una persona, è dura a morire. Questo implica che, una volta che ha una certa fama, rimane tale nonostante possa essere smentita da taluni fatti. Vale nel bene e nel male.

Se vi piacciono i proverbi siciliani, eccone altri che troverete interessanti.

  • Cu nasci tunnu un mori quadratu
    (Chi nasce tondo non muore quadrato)
  • Centu ladri non pottiru spugghiari a unu nudu
    (Cento ladri non possono spogliare un nudo)
  • Cu pecora si fa, veni u lupu e si la mangia
    (Chi si fa pecora, viene il lupo e se lo mangia)
  • Cu mangia fa muddichi
    (Chi mangi fa briciole)
  • Scupa nova scruscio fa
    (Ciò che è nuovo fa sempre scalpore)

Articoli correlati