È stata pubblicata la nuova classifica dedicata alla Qualità della Vita, stilata da ItaliaOggi e Università La Sapienza di Roma, in collaborazione con Cattolica Assicurazioni. Giunta alla 24esima edizione, offre un quadro del modo in cui si vive in Italia: come si è piazzata la Sicilia e qual è la città siciliana in cui vive meglio? Scopriamolo insieme.

Nuova classifica Qualità della Vita

Anche quest’anno, la classifica annuale fotografa le condizioni della vita da Nord a Sud. Il podio nazionale è occupato da Trento, grazie agli eccellenti piazzamenti conquistati in tutti gli ambiti considerati (è nel gruppo di testa in otto dimensioni su nove).

Per quanto riguarda la Sicilia, il primato spetta alla provincia di Ragusa: è prima tra le siciliane, ma nella classifica della Qualità della Vita si piazza all’84esimo posto, precedendo Trapani, al 93esimo.

Posizione numero 96 per Messina, 97 per Enna e Palermo, mentre Catania è 102esima. Agrigento è al numero 103, Caltanissetta terzultima, mentre Siracusa è alla penultima posizione (chiude la classifica nazionale Crotone, in Calabria, al 107esimo posto).

Cresce il divario tra Nord e Sud

“Si fa più netta la separazione tra province del Centro-Nord – dice la ricerca -, dove migliorano le condizioni a vantaggio dei cittadini, e quelle di Sud e Isole, dove, complice anche la pandemia, sono esplose aree di forte disagio sociale e personale; mentre sono soprattutto le province che fanno parte del cluster Metropoli a trainare la ripresa”.

Le province siciliane, purtroppo, sono in coda alle classifiche di quasi tutti i settori: affari e lavoro, sicurezza sociale, istruzione e formazione, tempo libero, reddito e ricchezza. Un po’ migliore la situazione quando si parla di ambiente (Agrigento e Enna sono a metà classifica), reati e sicurezza e sistema salute (Palermo è tredicesima, Agrigento è 92sima).

Tornando alla classifica sulla Qualità della Vita, le “prime della classe” in Italia, dopo Trento che ottiene il primo posto, sono Bolzano e Bologna (seconda e terza). Firenze è quarta, mentre Milano resta stabile al quinto. Siena balza al sesto, mentre Parme scende al settimo (era prima lo scorso anno).

Al fondo della classifica, come abbiamo anticipato, troviamo, subito prima di Crotone che è ultima, in discesa Siracusa (106 da 104) e Caltanissetta (105 da 101). In lieve risalita Napoli (104 da 106). Tra le province che hanno perso più posizioni c’è Torino, che diventa 54esima: ha perso 35 posti (era 19ª).

“Scorrendo la classifica“, spiega ItaliaOggi, “balza all’occhio uno dei fenomeni rilevati da quest’ultima indagine: la netta spaccatura tra Centro-Nord, da un lato, Sud e Isole, dall’altro, in particolar modo rispetto agli eventi recenti. Nessuna provincia meridionale o insulare, infatti, è nel gruppo delle 32 di testa”.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati