Non tutti lo sanno ma l’ingrediente speciale del risotto Queen Victoria, quello preferito dalla Regina Elisabetta II, sono i gamberi rossi siciliani. La sovrana è morta l’8 settembre, chiudendo un importante capitolo della storia non soltanto del Regno Unito, ma di tutto il mondo. La ricordiamo con un fatto poco noto, che ne mostra un aspetto sicuramente più inedito.

Queen Victoria, risotto “regale”

La Regina Elisabetta è morta all’età di 96 anni, nell’amata residenza scozzese di Balmoral, con attorno i quattro figli e i familiari più stretti. Adesso il figlio Carlo diventa re, con il titolo di Carlo III. Nel corso del suo regno, Elisabetta ha girato il mondo e si è in diverse occasioni confrontata con i grandi del Pianeta.

Proprio durante un incontro ufficiale, ha preso vita un interessante aneddoto che vede protagonista il risotto Queen Victoria. A firmare la ricetta, Enrico Derflingher, primo italiano a diventare chef della famiglia reale inglese, a cavallo tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta. Il piatto include il gambero rosso siciliano e il cuoco ha riproposto in tante occasioni prestigiose. La storia della preparazione è molto interessante.

Un risotto speciale

Queen Victoria, il risotto preferito della regina Elisabetta, è una creazione di Enrico Derflingher. Classe 1962, a soli 27 anni è stato il primo italiano a diventare chef dei Windsor. Ha stabilito un vero record: prima di lui, per 400 anni, c’erano stati solo cuochi di altra nazionalità.

Gli ingredienti di questo piatto sono gamberi rossi siciliani, burro, finocchietto selvatico e vino spumante secco. Fu servito a durante una cena importantissima: un incontro tra la Regina Elisabetta, Michail Gorbaciov e Ronald Reagan, con George Bush vicepresidente, alla presenza di tutti i capi di Stato e i primi ministri d’Europa. Dopo aver terminato la prima portata, rompendo il protocollo, la regina mandò a chiamare il cuoco.

Sua Maestà gli comunicò il suo apprezzamento per il piatto e gli chiese cosa volesse in regalo. Derflingher, che avrebbe potuto chiedere qualsiasi tipo di dono, scelse la pentola in rame in cui aveva cucinato la portata, come racconta in un video.

Queen Victoria risotto, la ricetta

Un piatto davvero speciale, dunque, la cui ricetta è riportata dallo stesso chef Enrico Derflingher, sul suo sito web. Lo chiama Risotto Regina Vittoria con gambero rosso siciliano e bollicine. Ecco ingredienti e procedimento.

Ingredienti per 4 persone

  • 1 sedano;
  • 10 gamberi rossi siciliani;
  • 1 cipolla;
  • Burro;
  • 280 g di riso Carnaroli;
  • 300 ml di vino spumante secco;
  • 120 g di Parmigiano Reggiano;
  • 2 foglie di alloro;
  • 1 rametto di finocchietto selvatico;
  • Fiori eduli;
  • Olio extravergine d’oliva.

Procedimento

  1. Pulire e triare il sedano, poi farli rosolare in una casseruola con olio e alloro.
  2. Sgusciare con le mani i gamberi, aggiungere nella casseruola le teste e i carapaci e farli tostare, schiacciandoli con un cucchiaio di legno.
  3. Versare abbondante acqua e lasciare sobbollire per almeno 40 minuti.
  4. Sbucciare e triare la cipolla, quindi farla appassire in un tegame con burro e olio.
  5. Aggiungere il riso e farlo tostare su fiamma viva, poi sfumare con un bicchiere di vino.
  6. Unire un mestolo di bisque di gamberi molto calda e portare a cottura il risotto per 15 minuti, unendo poco alla volta altra bisque calda.
  7. Dopo pochi minuti, unire al riso anche due terzi dei gamberi sgusciati, aggiungendo gli altri a circa metà cottura.
  8. Grattugiare un’ottantina di grammi di Parmigiano.
  9. Prelevarne un quarto e cospargerlo all’interno di un coppapasta rotondo adagiato in un padellino molto caldo.
  10. Sfilare il coppapasta e lasciare che il formaggio si solidifichi, ottenendo una cialda.
  11. Preparare nello stesso modo altre 3 cialde.
  12. Mantecare il riso giunto a cottura con burro, il resto del parmigiano grattugiato, olio, finocchietto selvatico e il vino rimasto.
  13. Distribuire il risotto nei piatti e guarnire con fiori eduli.
logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati