Queen Victoria risotto “regale”.

  • Non tutti lo sanno: per fare il risotto preferito della Regina Elisabetta, ci vuole il gambero rosso siciliano.
  • La ricetta è di Enrico Derflingher, primo italiano a diventare chef della famiglia reale inglese, dal 1987 al 1992.
  • Ecco come si prepara e cosa lo rende unico.

Per un piatto da regina ci vogliono nobili ingredienti. Niente di meglio, dunque, del “re” dei crostacei siciliani: il gambero rosso siciliano. La bontà di questo prodotto autenticamente Made in Sicily ha conquistato la Regina Elisabetta: il suo risotto preferito, infatti, si chiama Queen Victoria e viene preparato proprio con il gambero di Sicilia. Una vera e propria curiosità che non tutti conoscono, ma che dimostra quanto le nostre eccellenze siano amate in tutto il mondo. Conosciamo meglio la storia di questo piatto, chi l’ha inventato e come si prepara.

Il migliore risotto del mondo

Queen Victoria, il risotto preferito della regina Elisabetta, è opera di Enrico Derflingher. Classe 1962, a soli 27 anni è stato il primo italiano a diventare chef della famiglia reale inglese, dal 1987 al 1992. Ha stabilito un vero record: prima di lui, per 400 anni, c’erano stati solo cuochi francesi. Gli ingredienti di questo piatto sono gamberi rossi siciliani, burro, finocchietto selvatico e vino spumante secco. Fu servito la prima volta durante una cena importantissima, con Reagan, Bush vicepresidente e Gorbaciov. Si incontravano tutti per la prima volta. Al termine della prima portata, la regina mandò a chiamare il cuoco, un po’ come si vede nei film. Derflingher pensò di aver fatto qualche errore, ma era proprio il contrario. Sua maestà, infatti, gli disse di aver mangiato il migliore risotto del mondo. Ma come si prepara questo risotto? Scopriamolo subito.

Queen Victoria Risotto: la ricetta

La ricetta del risotto Queen Victoria è riportata dallo stesso chef Enrico Derflingher, sul suo sito web. Lo chiama Risotto regina Vittoria con gambero rosso siciliano e bollicine. Ecco ingredienti e procedimento.

Ingredienti per 4 persone

  • 1 sedano;
  • 10 gamberi rossi siciliani;
  • 1 cipolla;
  • Burro;
  • 280 g di riso Carnaroli;
  • 300 ml di vino spumante secco;
  • 120 g di Parmigiano Reggiano;
  • 2 foglie di alloro;
  • 1 rametto di finocchietto selvatico;
  • Fiori eduli;
  • Olio extravergine d’oliva.

Procedimento

  1. Puliamo e tritiamo il sedano, poi facciamolo rosolare in una casseruola con olio e alloro.
  2. Sgusciamo con le mani i gamberi, aggiungiamo nella casseruola le teste e i carapaci e facciamoli tostare schiacciandoli con un cucchiaio di legno.
  3. Versiamo abbondante acqua e lasciamo sobbollire per almeno 40 minuti.
  4. Sbucciamo e tritiamo la cipolla, quindi facciamola appassire in un tegame con burro e olio.
  5. Aggiungiamo il riso e facciamolo tostare su fiamma viva, poi sfumiamo con un bicchiere di vino.
  6. Aggiungiamo un mestolo di bisque di gamberi molto calda e portiamo a cottura il risotto 15 minuti, unendo poco alla volta altra bisque calda.
  7. Dopo pochi minuti, uniamo al riso anche due terzi dei gamberi sgusciati, aggiungendo gli altri circa a metà cottura.
  8. Grattugiamo circa 80 g di parmigiano.
  9. Preleviamone un quarto e cospargiamolo all’interno di un coppapasta rotondo adagiato in un padellino molto caldo.
  10. Sfiliamo il coppapasta e lasciamo che il formaggio si solidifichi, ottenendo una cialda.
  11. Prepariamo nello stesso modo altre 3 cialde.
  12. Mantechiamo il riso giunto a cottura con burro, il resto del parmigiano grattugiato, olio, finocchietto selvatico e il vino rimasto.
  13. Distribuiamo il risotto nei piatti e guarniamo con fiori eduli.

Articoli correlati