Ryanair comincia a pensare in grande stile all’estate del 2019. L’azienda low cost irlandese ha inserito 53 nuove rotte dall’Italia, e alcune nello specifico per la Sicilia. Il totale, a questo punto, fa segnare quota 450. I numeri parlano chiaro, almeno secondo quanto prevede il direttore commerciale dell’azienda, David O’Brien: almeno 40 milioni di passeggeri divisi su 29 aeroporti nel Bel Paese.

Da Napoli si partirà per 9 destinazioni, e cioè Malaga, Bordeaux, Exeter, Marsiglia, Marrakech, Nantes, Cork, Chania e Rodi. Ma è soltanto uno degli esempi, perché Ryanair guarda con attenzione anche a Cagliari , Treviso, Bergamo, Bologna, Bari, Catania, Palermo, Milano, Roma, Brindisi, Lamezia Terme, Torino e Venezia.

Ryanair e la Sicilia, le nuove rotte

A partire dal prossimo aprile, il vettore low cost praticherà le seguenti rotte (in grassetto quelle che riguardano la Sicilia):

Bari – Bordeaux
Bari – Budapest
Bari – Praga
Bologna – Amman
Bologna – Corfù
Bologna – Kaunas
Bologna – Londra LTN
Bologna – Marsiglia
Brindisi – Memmingen
Cagliari – Budapest
Cagliari – Baden
Cagliari – Dublin
Cagliari – Porto
Cagliari – Siviglia
Cagliari – Valencia
Catania – Atene
Catania – Marrakech
Catania – Siviglia
Lamezia T. – Malta
Milano BGY – Amman
Milano BGY – Brno
Milano BGY – Faro
Milano BGY – Londra SEN
Milano BGY – Sofia
Milano MXP – Kaunas
Milano MXP – Tenerife Sud
Napoli – Malaga
Napoli – Bordeaux
Napoli – Exeter
Napoli – Marsiglia
Napoli – Marrakech
Napoli – Nantes
Napoli – Cork
Napoli – Creta Chania
Napoli – Rodi
Palermo – Bruxelles CRL
Palermo – Colonia
Palermo – Atene
Perugia – Malta
Pescara – Bucharest
Pescara – Praga
Pisa – Bruxelles
Pisa – Praga
Roma CIA – Poznan
Roma FIU – Rodi Torino – Fez;
Venezia TSF – Bordeaux
Venezia TSF Fez
Venezia TSF – Prague
Venezia TSF – Manchester
Venezia TSF – Siviglia
Venezia TSF – Vilnius
Venezia – Londra SEN

Ryanair e lo sciopero

Buone notizie a parte, è bene ricordare che dopodomani, venerdì 26 settembre, i lavoratori Ryanair sciopereranno. Il sindacato Cne ha dato l’annuncio a Bruxelles e il segretario Yves Lambot ha spiegato: “Sarà un’agitazione a livello europeo“. Le ragioni dello stop fanno riferimento alle richieste di dipendenti e sindacati, che chiedono condizioni di lavoro migliori.