Alla scoperta delle chiese trapanesi.

  • San Liberale a Trapani, una chiesetta piccola, ma ricca di storia.
  • È legata alla devozione dei corallai, ma non solo.
  • La chiamano anche la Chiesa degli Innamorati.

Trapani e il suo mare, un legame che dura da tempo immemore e che continuerà per sempre a essere più forte di tutto. Le vicende della gente si uniscono a quelle del territorio in cui tutto profuma di salsedine. Non si finisce mai di scoprire questa città della Sicilia che sa sempre regalarci qualche nuova sorpresa. La chiesa di San Liberale di Trapani è piccola, sì, ma anche grande. Lo è, grande, per tutto quello che ha da raccontare. Si tratta di un antico luogo di devozione che ci svela pagine di storia. Abbiamo pensato di farvela scoprire, perché siamo certi che conquisterà un posto speciale nel vostro cuore.

Chiesa di San Liberale, la Chiesa degli Innamorati

Viene chiamata anche San Liberante ed è costruita in tufo di Favignana. Sorse alla fine del 1600 a opera dei pescatori di corallo che la dedicarono, appunto, al Santo protettore dei pescatori e dei corallai. Dopo la sua costruzione divenne protagonista di tante tradizioni. All’indomani della Pentecoste, ad esempio, i pescatori e gli artigiani si davano appuntamento qui per una scampagnata fuori porta, in cui condividevano pietanze prelibate. Secondo alcuni, inoltre, è la Chiesa degli Innamorati: una promessa d’amore fatta qui davanti dura per sempre e, cosa più importante, conduce alle nozze entro un anno! Foto di Andrzej Szkopiński –  Creative Commons Attribution 3.0 Unported.

Articoli correlati