Oggi prepariamo le Sarde a Beccafico alla Catanese. Le sarde sono un pesce che realmente adoro. Sono buone e fanno tanto bene al cuore e a coloro che soffrissero di colesterolo alto, per via del loro alto contenuto di acidi grassi essenziali omega 3. Sono anche l’alimento più ricco di DHA, EPA e acido arachidonico.

Se volete preparare le Sarde a Beccafico alla Palermitana, cliccate qui

Ecco come cucinare le sarde a beccafico, a cominciare dagli ingredienti.

  • 1,2 kg di sarde;
  • 200 gr di pangrattato;
  • 4 acciughe sotto sale;
  • 2 spicchi d’aglio;
  • 3 uova;
  • farina;
  • 1 mazzetto di prezzemolo;
  • 50 gr di pecorino grattugiato;
  • sale e pepe q.b.;
  • olio extra-vergine d’oliva;

Ed ecco il procedimento da seguire, passo dopo passo.

  1. Per prima cosa dovete comprare le sarde e farvele tagliare a linguata dal vostro pescivendolo di fiducia: seguirà la linea della lisca, tagliando a metà la sarda, così da risparmiarvi lavoro a casa.
  2. Prendete il pangrattato ed unitelo al pecorino grattugiato.
  3. Poi fate sciogliere in una padella antiaderente le acciughe dissalate e diliscate. Vi basteranno due cucchiai d’olio a fiamma molto bassa.
  4. Ricordate solo di rimescolarle spesso e di aggiungere un trito d’aglio, un trito di prezzemolo, del sale e del pepe.
  5. Versate il pangrattato condito in una terrina ed aggiungete anche le acciughe e un uovo.
  6. Omogeneizzate l’impasto con il quale riempiremo il pesce.
  7. E’ ora di dedicare le vostre attenzioni alle sarde. Sciacquatele per bene (le sarde devono essere eviscerate, diliscate e tagliate a linguata, senza la testa ma con la coda).
  8. Afferratene una metà e ricopritela con la farcia preparata in precedenza. Copritela con una seconda metà, aiutandovi con le dita e schiacciando un pochino.
  9. Non resta che infarinare le sarde ripiene con la farina ed intingerle nelle uova sbattute per poi friggerle e mangiarle.

Buon appetito!

Di Viola Dante

Credit Immagine •