Fervono i preparativi per la terza edizione di Sfincione Fest, a Bagheria. Lo sfincione bianco di Bagheria si caratterizza perché presenta alcune differenze rispetto a quello palermitano, ma le due varietà hanno in comune una indiscussa bontà. Appuntamento sabato 23 (dalle 17 alle 23) e domenica 24 novembre (dalle 10 alle 23), lungo corso Umberto I.

Parteciperanno i sei panificatori di Bagheria (Antico panificio Valenti, Antica forneria Scaduto, Forno Conti, panificio Don Pietro, Antica focacceria dal 1877 e La Spiga) che hanno costituito la prima comunità Slow Food della città e quattro dei comuni limitrofi (Palermo, Monreale, Piana degli Albanesi, Lercara Friddi).

Ogni panificatore presenterà il prodotto nelle varianti che prevedono l’uso di diversi ingredienti. In programma ci sono spettacoli musicali, cooking show organizzati in collaborazione con Dagó Cibi Eccelsi di Antonino D’agostino i cui protagonisti saranno chef e panificatori: Francesco Arena, Natale Laganà, Gioacchino Gargano, Fabio Potenzano, Maurizio Valenti, Giampiero Pecoraro, Salvatore Grasso, Massimo Scaduto e Michele Mancino.

Altri cooking show saranno dedicati ai dolci tipici natalizi, il torrone di Filippa Milazzo e il panettone artigianale di Melania Guarneri del panificio Tusa. Nei cooking show saranno utilizzate le farine Petra Evolutiva di Molino Quaglia distribuite dalla ditta Dagó Cibi Eccelsi di Antonio D’Agostino.

Il 24 novembre ci saranno altri cooking show con i panificatori Carlo Conti, Gabriele Ragusa e Vita Gagliano.

Uno in particolare sarà dedicato ai territori di Ficarazzi, Lercara Friddi, Monreale e Piana degli Albanesi. In programma anche un corso di analisi sensoriale dello sfincione presentato da Mario Liberto e un talk dal titolo “Bagheria, città del gusto: strategie ed opportunità”, presentato da Francesca Cerami. Testimonial della manifestazione sarà Sasà Salvaggio.