Palermo, Casteldaccia, Bagheria e Altavilla Milicia si sfidano, per decretare qual è lo sfincione più buono. È tutto pronto per lo Sfincione Festival, in programma da oggi, 1 marzo, a domenica 3 marzo al Sanlorenzo Mercato di Palermo.

Il re del cibo di strada ha un’antica tradizione. I quattro prodotti in gara hanno, sì, tutti lo stesso nome, ma sono totalmente diversi l’uno dall’altro.

LEGGI ANCHE: La ricetta dello sfincione bianco di Bagheria

I fornai del territorio si daranno battaglia, preparando una delle tante versioni di “pizza” siciliana. Si va da Bagheria, con il fornaio Massimo Scaduto dell’Antica Forneria Scaduto, a Casteldaccia con il Panificio Martorana di Vincenzo Di Tusa passando per Palermo con il Forno del Mercato fino ad Altavilla Milicia con Francesco Paolo Lombardo dell’Antico Forno Lombardo.

Sfincione di Bagheria

Lo Sfincione di Bagheria

Ospite speciale fuori gara sarà lo sfincione bagherese di Maurizio Valenti dell’Antico Forno Valenti dal 1887, con una postazione ad hoc che vedrà il vincitore della scorsa edizione ancora una volta pronto a far degustare la sua specialità.

Come funziona lo Sfincione Festival

Con un ticket di 6 euro, si potranno assaggiare le quattro specialità presenti, in un confronto aperto e diretto con il produttore che ne spiegherà origine e caratteristiche, tra aneddoti e curiosità. Con il ticket degustazione si avrà anche la possibilità di votare il proprio sfincione preferito, contribuendo così a decretare il vincitore.

Per farlo, basterà girare per le postazioni con il proprio ticket e provare le singole specialità esprimendo il proprio voto. A decretare il vincitore, accanto alla giuria popolare, sarà la giuria tecnica.

Foto: Facebook Sanlorenzo Mercato