Sembra un buccellato, ma non lo è: si chiama Torta del Re. Nell’aspetto ricorda il celebre dolce siciliano del Natale, ma è tagliandolo che si scopre che si tratta di una preparazione molto diversa. La sua storia e le caratteristiche sono davvero interessanti.

  • Torta del Re o Bolo-rei: la “cugina” portoghese del Buccellato.
  • Una pasta lievitata con frutta candita.
  • Cosa la rende unica e in cosa è diversa dal dolce di Sicilia.

Torta del Re o Bolo-rei: come è fatta

Paese che vai, dolce di Natale che trovi. La tradizionale pasticceria delle festività natalizie assume caratteristiche diverse a seconda della parte del Mondo cui appartiene. Ci sono, però, alcuni punti in comune e ingredienti che non mancano mai sulle tavole.

Guardando la foto in questa pagina, pensereste di trovarvi davanti a un buccellato un po’ diverso, ma vi sbagliate. Si chiama Torta del Re, in lingua originale, Bolo-rei ed è portoghese! Ebbene sì, oggi vi portiamo a fare un bel viaggio: siete pronti?

Il Bolo-rei è tipico del Natale in Portogallo. Nasce in Francia e vi arriva nel 1829, con l’apertura della pasticceria che serve ufficialmente la famiglia reale: la Confeitaria Nacional. Si mette al centro della tavola delle feste, nella sera della Vigilia.

Il dolce che unisce Sicilia, Spagna e Portogallo

Si consuma tra Natale e l’Epifania. Tradizione vuole che chi trova al suo interno una fava (o un fagiolo), dovrà pagare il dolce dell’anno successivo. Questo “cugino” del Buccellato ha, a sua volta, un gemello: il Roscón de Reyes spagnolo (e anche dell’America Latina).

La differenza tra i due dolci sta nel fatto che nella ricetta del Bolo-rei ci sono uvetta, frutta secca e Porto. Nella preparazione spagnola no. Il Roscón de Reyes è aromatizzato con acqua di fiori d’arancio, e spesso tagliato a metà e farcito di panna montata.

L’origine del roscón de Reyes sembra essere in relazione con i Saturnalia romani, le feste dedicate al dio Saturno in concomitanza con i giorni successivi al solstizio di inverno. Per questi festeggiamenti, si elaboravano torte rotonde con fichi, datteri e miele, che venivano distribuite indistintamente a plebei e schiavi. Già nel secolo III, si introduceva all’interno del dolce una fava secca e il fortunato a cui capitava veniva nominato re dei re per un breve periodo di tempo precedentemente stabilito.

La forma a ciambella della Torta dei Re ricorda una corona, che rimanda ai Re Magi e ai loro doni. La torta (bolo) è infatti dorata, impreziosita da gemme colorate (i canditi tagliati a pezzi grossi), e profumata. I simboli: oro, mirra e incenso. Foto: Official Porto Tourism PortalLicenza.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati