Letizia Benenato, figlia di Franco Franchi, racconta in un’intervista il suo rapporto con il padre, ma anche tanti aneddoti legati alla sua figura e al suo personaggio. L’attore è morto il 9 dicembre del 1992, quindi in questi giorni ricade il trentennale della scomparsa.

Franco Franchi, i ricordi della figlia Letizia Benenato

Sono passati 30 anni dal 9 dicembre del 1992, anno in cui Franco Franchi ci ha lasciati. Un vero genio della recitazione e della comicità, mattatore di indimenticabili gag insieme a Ciccio Ingrassia. Franco e Ciccio, un duo ma, anzitutto, due straordinari attori, capaci di esprimere l’arte in modo unico.

Dalle pagine di Repubblica, Letizia Benenato, figlia di Franco Franchi, racconta: “Ci sono persone che nascono per amare e che sono capaci di perdonare. Lui è partito da sottozero, erano sei fratelli, famiglia povera, suo padre ebbe un ictus e non potè più lavorare, quindi era mia nonna a portare avanti la famiglia”.

Quindi un aneddoto che pochi conoscono: “Lo ricordo chino sui libri, a studiare, anche di notte. Lui da ragazzo studiò poco ma poi si impegnò tantissimo per imparare a parlare bene, per imparare i verbi, il condizionale, il congiuntivo. Era uno che si è fatto da solo“.

Sono davvero tanti i ricordi che meritano di essere menzionati: “Lui c’è stato sempre, per tutti. Ricordo che sotto casa, a Roma, c’era la processione di gente che gli chiedeva autografi o gli chiedeva aiuto, e lui dava a tutti. C’era un ragazzo disabile che tutte le domeniche gli chiedeva una Coca Cola e lui gli offriva la colazione. Io ho imparato a conoscere mio padre attraverso gli occhi degli altri“, aggiunge Benenato.

Sebbene siano passati 30 anni dalla scomparsa di Franco Franchi, non è cambiato l’affetto nei suoi confronti che, probabilmente, con il tempo è anche cresciuto: “Al cimitero dei Rotoli gli operai della Reset hanno girato un video nel quale puliscono la tomba di mio padre, ai Rotoli, gli sistemano i fiori e dicono che era l’attore più grande d’Italia, anzi del mondo”.

Gli impegni lavorativi non sono mai stati un problema in famiglia: “Sono cresciuta con la frase ”Papà è fuori perché lavora per noi” ma quando tornava era festa. Poi, quando ha cominciato a lavorare di meno, ha saputo riempire questo vuoto passato, ci siamo ripresi il tempo perduto”.

Non manca, poi, un riferimento al rapporto con Ciccio Ingrassia: “C’era amore profondo tra papà e Ciccio. Mio padre diceva: ”Io e Ciccio siamo una fotografia, se la strappi a metà la fotografia non c’è più”. Io ho un solo rammarico: Franco e Ciccio sono stati considerati attori di serie B ma si sarebbero meritati un premio alla carriera“.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati