Venti anni fa il primo trapianto di fegato all’Ismett di Palermo. Sono 2197 i trapianti eseguiti da quel mese di luglio del 1999, di cui ben 1227 sono gli interventi di trapianto di fegato. L’8 per cento dei pazienti curati lo scorso anno, viene da fuori regione o da altri Paesi: la struttura è, quindi, riuscita in questi 20 anni non solo a porre un freno ai viaggi della speranza, ma anche ad invertire la rotta.

Il giorno del primo trapianto di fegato era una calda giornata di luglio, un evento che ha cambiato il volto della sanità siciliana, dando una nuova speranza ai pazienti affetti da insufficienze terminali d’organo. “Di venti anni fa ricordo l’impegno di tante persone perché si arrivasse a realizzare questo progetto, ma ricordo anche le difficoltà a comprendere che una realtà così appartiene a tutti – dice il sindaco Leoluca Orlando – Oggi questa realtà si arricchisce grazie all’accordo decennale con la regione che mette in sicurezza un percorso cominciato appunto venti anni fa e che permetterà presto di posare un’altra prima pietra. Ma non dobbiamo dimenticare che dietro all’eccellenza dell’ISMETT, c’è anche il contributo a un cambiamento culturale, all’affermazione della cultura della donazione, elemento fondativo dell’umanizzazione della medicina”

In Sicilia e in tutto il Sud Italia – fino alla nascita dell’Ismett – non esisteva nemmeno un istituto attivo nel settore del trapianto di fegato. Questo imponeva a medici e pazienti una scelta tra la morte certa o il tentativo di un viaggio fuori dalla regione o all’estero. La Regione Siciliana, fino al 1999, è stata, quindi, costretta a sostenere costi per centinaia di miliardi di vecchie lire per trasferire i pazienti siciliani che avevano bisogno di un trapianto e di terapie di alta specializzazione in altre strutture in Italia e all’estero. A ciò si aggiungevano gravi disagi di pazienti in condizioni terminali e delle loro famiglie che spesso si trovavano in paesi dei quali non conoscevano neppure la lingua. La nascita dell’Istituto ha posto un freno ai cosiddetti “viaggi della speranza” e garantito cure di alta specializzazione ai pazienti siciliani nella loro regione.

“Il governo regionale fin dal suo insediamento – ha sottolineato l’Assessore Regionale alla Salute, Ruggero Razza – ha ritenuto strategica la presenza di ISMETT in Sicilia e lo ha fatto sottoscrivendo un accordo decennale che ha consentito di far dire a UPMC International, cioè a chi ci guarda dagli Stati Uniti, che in Sicilia esiste un governo che ha lungimiranza per il futuro. Lo dimostrano l’accordo decennale e l’intesa, sottoscritta proprio nella sede della presidenza della Regione, con le università siciliane. Un dialogo costante che sta permettendo così di orientare le strategie per il futuro”.

L’Istituto, nato da una sperimentazione gestionale che ha avviato un partenariato pubblico – privato internazionale no profit, è stato il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi (fegato, rene, cuore, polmone, pancreas). Sono 114 i posti letto di cui dispone l’Istituto, di questi 20 sono di Terapia Intensiva e 10 sono quelli destinati alla Pediatria Addominale. Lo scorso anno, il numero dei ricoveri ordinari è stato di 2779, 1585 le sedute di Sala Operatoria. In Ismett lavorano attualmente 887 dipendenti, equamente distribuiti fra uomini e donne.

Dal 2014 è stato riconosciuto ad Ismett il carattere di Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) per la cura e la ricerca delle insufficienze terminali d’organo. Sono 786 gli articoli pubblicati, 91 i trial clinici già effettuati e 22 quelli in fase di valutazione. In questi 20 anni, infine, Ismett ha attratto in Sicilia fondi per 41.085.739 di euro ottenuti grazie a progetti di ricerca.