L’evento speciale nel museo di Palermo.

  • 5 Minuti da soli con un’opera: l’evento speciale di RestART Palermo a Palazzo Abatellis.
  • Una possibilità più unica che rara: davvero imperdibile.
  • Ecco come prenotare e acquistare il biglietto.

Di fronte alle grandi opere d’arte si provano sentimenti ed emozioni irripetibili. Si ammirano con occhi affascinati e incuriositi, lasciandosi trasportare dalle emozioni. A volte, dentro i grandi musei, non si ha possibilità di vivere un’esperienza “a tu per tu” con le opere, che vengono condivise con tutti i visitatori presenti. Il museo di Palazzo Abatellis, uno dei più belli di Palermo, ha una proposta per tutti coloro che sognano di vedere i capolavori in una modalità quasi “privata”. Si chiama 5 Minuti con un’opera da soli l’evento speciale del festival RestArt Palermo, che offre una possibilità davvero inedita. In accordo con il Museo, si potrà rimanere da soli, a porte chiuse, con un’opera a scelta. Per completare l’esperienza, al termine della visita verrà offerto il caffè. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

“5 Minuti da soli con un’opera” a Palazzo Abatellis

Non capita tutti i giorni di poter rimanere 5 Minuti con un’opera da soli. Quella offerta da RestART e dalla Galleria Regionale della Sicilia “Palazzo Abatellis” è un’occasione sicuramente particolare ed irripetibile. Tutto quello che bisogna fare è prenotare, scegliendo uno dei giorni disponibili: vi basta cliccare qui o sul box che trovate alla fine dell’articolo. Il Palazzo è una grandiosa dimora tardo-quattrocentesca, nello stile gotico-catalano di Francesco Patella o Abatellis, che fu maestro portolano del regno e pretore della città, il quale commissionò i lavori di costruzione all’architetto Matteo Carnalivari. Dal 1954 espone opere di artisti siciliani medievali, croci tardo-medievali, vasi e manufatti di epoca araba, pitture del sei e settecento. Ecco quali sono le opere di maggior pregio.

Le opere d’arte di maggior rilievo di Palazzo Abatellis sono lo splendido affresco del “Trionfo della Morte” di ignoto, realizzato nel XV secolo, ritenuto un capolavoro dell’arte pittorica di quel periodo; il delicatissimo busto di Eleonora d’Aragona eseguito da Francesco Laurana; l’intensa “Annunziata” di Antonello da Messina dipinta nel 1473, considerata una autentica “icona” del rinascimento italiano, etc.

Articoli correlati