Ancora piogge e venti fino a burrasca al Centro-Sud.

  • Non si arresta la fase di maltempo che attraversa il nostro Paese.
  • Persistono le precipitazioni, con una nuova allerta meteo Sicilia.
  • I dettagli dell’avviso della Protezione Civile.

L’Italia continua a essere interessata da una vasta circolazione depressionaria che dà vita ad un susseguirsi di impulsi perturbati, responsabili del protrarsi della fase di maltempo su gran parte del nostro territorio. Ne scaturisce la persistenza di precipitazioni, nevose sui settori alpini e a carattere anche temporalesco al Centro-Sud, in particolare sulle regioni del versante tirrenico meridionale, nonché venti forti, specie sulle regioni meridionali e sulle isole maggiori.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse. L’avviso prevede oggi, mercoledì 9 dicembre, precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Calabria e Basilicata, specie sui versanti tirrenici, e sulla Sicilia; si prevede il persistere di rovesci o temporali, sulla Campania. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, possibili grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.  Dalla tarda mattinata di oggi si prevede il persistere di venti da forti a burrasca, da ovest-sud-ovest, su Campania, Calabria, Basilicata, Sicilia e Puglia, con mareggiate lungo le coste esposte.

Le zone interessate dall’Allerta Meteo Sicilia 9 dicembre

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per oggi, mercoledì 9 dicembre, allerta rossa nell’area meridionale della Campania e nella Provincia Autonoma di Bolzano. Valutata allerta arancione sulla Provincia Autonoma di Trento, su gran parte del Friuli Venezia Giulia, in Umbria, sulla Campania settentrionale, sul settore occidentale della Basilicata, su gran parte del versante tirrenico della Calabria. Valutata, inoltre, allerta gialla nel Lazio, in Abruzzo, in Sicilia, sui settori centrale e orientale dell’Emilia-Romagna, sul settore costiero della Toscana, su gran parte del Molise, sulla Sardegna occidentale e sui restanti territori di Veneto, Friuli Venezia Giulia, Campania, Basilicata e Calabria.

Ecco le zone della Sicilia interessate: Sicilia Nord-Orientale, versante ionico, Nord-Occidentale e isole Egadi e Ustica, Sud-Orientale, versante Stretto di Sicilia, Sud-Orientale, versante ionico, Bacino del Fiume Simeto, Centro-Meridionale e isole Pelagie, Sud-Occidentale e isola di Pantelleria, Centro-Settentrionale, versante tirrenico, Nord-Orientale, versante tirrenico e isole Eolie.

Articoli correlati