Sarà inaugurato sabato 29 ottobre, alle ore 17, il Museo archeologico di Caltabellotta, allestito presso Palazzo della Signoria, ex Carcere Vecchio, in via Salita Matrice.

Attraverso l’esposizione di reperti provenienti dal territorio, sarà raccontata la storia della piccola cittadina, di cui rimangono le entusiastiche descrizioni dei viaggiatori stranieri che la visitarono nel XIX secolo, da J.W. von Goethe a J. Schubring.

Lo spazio è articolato in due piccole sale. Nella prima saranno esposti i reperti provenienti da una delle aree archeologiche più importanti di Caltabellotta, il villaggio indigeno-greco di contrada San Benedetto, dall’età del Bronzo recente (XII-XI sec. a.C.) fino al momento dell’abbandono della prima metà del III sec. a.C. Nella seconda sala saranno esposti i reperti dal territorio, con particolare riguardo a contrada Sant’Anna, dalla preistoria ad età bizantina.

Il piccolo museo vuole essere il museo della comunità. Per questo motivo si è cercato di offrire, all’interno di questo spazio fisico, una visione strutturata su diversi registri, da quello archeologico, a quello storico-artistico, antropologico, naturalistico, così strettamente connessi da non poter essere considerati come aspetti separati.

Con la Soprintendenza ai Beni Culturali di Agrigento diretta da Michele Benfari hanno collaborato, in primo luogo, il Comune di Caltabellotta e il Sindaco, Calogero Cattano; per l’aspetto storico-artistico l’Ufficio Beni Culturali ed Ecclesiastici dell’Arcidiocesi di Agrigento, direttore Giuseppe Pontillo e la Comunità Ecclesiale di Caltabellotta, parroco don Antonio Corda; per l’aspetto etno-antropologico, la Fondazione Ignazio Buttitta, diretta da Ignazio E. Buttitta. Racconta il territorio il video “Caltabellotta. Visioni” di Accursio Castrogiovanni.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati