Trionfo di dolcezza: i Cucchiteddi di Sciacca.

  • Scopriamo insieme un dolce tipico siciliano di antica origine.
  • Per conoscerlo meglio, dobbiamo fare tappa a Sciacca.
  • Qui, alla fine del 1300, le suore di clausura hanno dato vita a una delle ricette più tipiche della città.

Una importante pagina della storia dei dolci siciliani è stata scritta dentro i monasteri. Le suore, un po’ per impiegare il tempo, un po’ per avere i mezzi necessari al loro sostentamento, si dilettavano a inventare ricette entrate a far parte della migliore tradizione dolciaria dell’isola. Ci sono esempi in tal senso in ogni parte della Sicilia. I Cucchiteddi di Sciacca rientrano in questa categoria. Furono preparati per la prima volta nel 1380, dalle suore di clausura del Monastero di Santa Maria dell’Itria. Si tratta di piccoli bocconcini a base di pasta di mandorla, farciti con la cucuzzata, a forma di mezzo cucchiaio. Da qui deriva il nome “Cucchiteddi”. Sono dolci, dolcissimi, ma davvero buoni!

Come fare i Cucchiteddi

Ingredienti per la pasta

  • 1 kg di mandorle tritate
  • 200 g di farina di Majorca
  • 800 g di zucchero
  • 2 uova
  • 1 limone
  • 400 g di zucca candita

Ingredienti per la glassa di zucchero

  • 800 g di zucchero
  • 2 bustine di vaniglia
  • 250 g di acqua
  • un pizzico di cremor tartaro.

Procedimento

  1. Lavorate le mandorle tritate con lo zucchero e le uova, fino ad ottenere una pasta abbastanza consistente.
  2. Lasciate riposare la pasta per circa dieci ore.
  3. A parte, tagliate a pezzetti piccolissimi la zucca candita.
  4. Prendete la pasta di mandorle e dividetela in tanti panetti piccoli.
  5. Su ognuno di essi, mettete al centro un cucchiaino di zucca candita a pezzetti, disponete su di una teglia imburrata e cuocete in forno a media temperatura, fino a doratura.
  6. In una casseruola, preparate la glassa, versando lo zucchero, l’acqua, le bustine di vaniglia, un pizzico di cremor tartaro e la buccia di un limone grattugiata.
  7. A fiamma bassa, mescolate fino a quando lo zucchero è completamente sciolto.
  8. Togliete dal fuoco e tuffate i cucchiteddi, in modo che vengano ricoperti dalla glassa.
  9. Disponeteli su di un vassoio foderato con carta e lasciateli raffreddare.

Buon appetito!

Ricetta di Simona Di Fiore

Articoli correlati