Una bellissima poesia siciliana diventata canzone.

  • La poesia fu scritta da Giovanni Formisano nel 1910.
  • Con il passare del tempo è diventata una delle canzoni siciliane più famose.
  • Si tratta di una splendida dichiarazione d’amore.

E vui durmiti ancora!” è una splendida poesia scritta dal poeta catanese Giovanni Formisano, diventata famosa come una delle canzoni siciliane più belle. Formisano nacque a Catania nel 1878 e fu poeta e commediografo. Scrisse le sue poesie in forma dialettale, raccontando la realtà quotidiana e autentica. La poesia di cui vi parliamo oggi è stata scritta nel 1910. Il compositore Gaetano Emanuel Calì se ne innamorò a tal punto da volerla musicare. Il brano venne inciso a Firenze nel 1927, ma non suscitò l’entusiasmo sperato, che arrivò invece con l’interpretazione del soprano Tecla Scarano al Teatro Sangiorgi di Catania. Anche la grande Rosa Balistreri incise una sua versione.

“E vui durmiti ancora” testo

Lu suli è già spuntatu di lu mari
e vui, bidduzza mia, durmiti ancora,
l’aceddi sunu stanchi di cantari
e affiddàti v’aspettunu ccà fora,
supra ssu balcuneddu su pusati
e aspettunu quann’è ca v’affacciati!

Li ciuri senza vui non ponnu stari,
su tutti ccu li testi a pinnuluni,
ognuno d’iddi non voli sbucciari
su prima non si gapri ssu balcuni,
dintra li buttuneddi su ammucciati
e aspettunu quann’è ca v’affacciati!

Lassati stari, non durmiti cchiui,
ca ‘nmenzu ad iddi, dintra ssa vanedda,
cci sugnu puru iù, c’aspettu a vui,
pri vidiri ssa facci accussì bedda,
passu ccà fora tutti li nuttati
e aspettu puru quannu v’affacciati.

Articoli correlati