Una poesia siciliana da scoprire: Futtitinni.

  • A volte basta una sola parola per racchiudere un’intera filosofia di vita.
  • Tra le parole siciliane più conosciute a ogni latitudine, ce n’è una che è impossibile fraintendere.
  • Proprio quel termine ha ispirato una bella poesia di Giuseppe Lodato: la condividiamo con voi.

Alcune parole sanno racchiudere un’intera filosofia di vita. Non sempre sono necessari intricati passaggi o  frasi in successione: essere concisi, spesso, è la migliore delle soluzioni. Quando si pensa alla Sicilia, ad esempio, ci sono subito alcuni termini che vengono in mente. Si tratta di vocaboli della lingua siciliana che sono ben noti a tutti, anche a latitudini assai distanti. Tra quei vocaboli ce n’è uno che sa essere una infinita fonte di ispirazione: Futtitìnni. Se ancora non sapete cosa significhi, è presto detto: “fregatene“. Semplice, no? A questa essenziale (ma efficace) massima di vita si ispira una nuova poesia di Giuseppe Lodato. I versi in siciliano sanno essere molto diretti, raggiungendo così il loro scopo. Sono molto utili, soprattutto in un periodo come questo. Non indugiamo oltre: eccoli per voi.

 Futtitìnni di Giuseppe Lodato

Ora è inùtili certa genti un cància,
s’addìverti, futti e mància.
Còlliri un ti n’ha pigghiàri,
a vita è troppu curta, un t’angustìari,

Accùssi me nannu mi ricìa,
quann’era nicu e ghièu chiancìa.
Si chiànci pì cosi cchiù ‘mpurtànti,
e no pì certa genti ch’è tutta vacànti.

Futtitìnni quannu ti pìgghianu di mira,
tantu a vita è ‘na rota chi gira.
Certa genti havi malàta la menti,
e nun farà mai nenti pì nenti.

I cristiàni boni pì furtùna asìstinu,
t’aiùtanu, t’attèntanu e t’assìstinu.
Da’ genti tinta e fàvusa ti n’ha fùttiri,
sulu vuccùna amàri ti fannu agghiùttiri.

Crirìtimi, lu beni è cchiù forti di lu mali,
futtitivìnni si certa genti è pèggiu di l’armàli.
Futtirisìnni è chiddu chi s’havi a fari,
calàri a testa e un ci pinsàri.

Articoli correlati