Manca poco al ritorno del Commissario Montalbano in tv. Luca Zingaretti torna a vestire i panni del commissario più amato d’Italia ma, questa volta, ricopre un duplice ruolo. L’attore, infatti, ha firmato anche la regia dei nuovi episodi, girati la scorsa estate, a causa della scomparsa dello storico regista, Alberto Sironi. Sironi è morto poco dopo lo scrittore Andrea Camilleri.

Le nuove puntate del Commissario Montalbano andranno in onda il 9 e il 16 marzo: la prima si intitola “Salvo amato, Livia mia” (è tratta dai racconti “Salvo amato, Livia mia” e “Il vecchio ladro”); la seconda è “La rete di protezione”, trasposizione dell’omonimo romanzo.

«Di mio, in questa regia – ha detto Luca Zingaretti – c’è una malinconia dolce. Ma chi oggi non è più qui con noi lo dobbiamo festeggiare tutti con canti balli, canti e risate. La drammaticità e la leggerezza tipica dei migliori racconti di Camilleri si intrecciano, secondo un codice conosciuto ma ogni volta diverso. E lo sforzo maggiore del mio lavoro di regia è stato quello, nel rispetto dello stile di Alberto Sironi che ha dettato le regole 20 anni fa, di assecondare l’estetica del mondo di Camilleri e della sua capacità di raccontarci il mondo».

«Abbiamo già preparato “Il metodo Catalanotti”, che andrà in onda l’anno prossimo – ha aggiunto Zingaretti -. Io voglio per adesso celebrare con voi, riflettere con il pubblico, sedimentare, capire, io voglio digerire questo lutto, sappiamo che nel cassetto di Camilleri c’è altro, oltre a quello uscito».

Nell’attesa che i nuovi episodi vengano trasmessi in tv, l’episodio “Salvo amato, Livia mia” verrà proiettato in anteprima al cinema, nelle giornate del 24, 25 e 26 febbraio.

Articoli correlati