L’Aeroporto di Palermo si rifà il look. Tutto è pronto per la prima fase operativa del grande progetto da quasi 72 milioni di euro e i lavori sono stati inaugurati oggi, alla presenza del ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli e del sindaco di Palermo Leoluca Orlando, dei vertici di Enac ed Enav, di Assaeroporti.

Nuovo look per l’Aeroporto di Palermo

Numerosi gli interventi previsti, che riguarderanno in dettaglio: l’adeguamento alla normativa antisismica; la ristrutturazione architettonica del terminal passeggeri; la realizzazione di impianti elettrici, idrici, meccanici, speciali, antincendio e fotovoltaici; opere accessorie, come rampe pedonali, pontili di collegamento al piazzale aeromobili, per garantire la piena funzionalità dell’edificio nell’assetto finale; omogeneità da un punto di vista architettonico, sia per gli esterni sia per gli interni; aumento del numero dei gate d’imbarco, dei varchi di sicurezza e dei banchi check-in.

Leggi anche > Cosa vedere a Palermo: il meglio del capoluogo

Verranno riconfigurate le sale per i passeggeri e per i viaggiatori a ridotta mobilità e ci saranno nuovi uffici per gli enti che hanno sede in aeroporto, gli handler e la biglietteria. Ancora, nuovo look per la sala ritiro bagagli, per l’area arrivi Shengen e gli imbarchi extra Shengen. I varchi di sicurezza, con un fronte unico, passeranno da 14 a 18. Anche i check-in saranno su un fronte unico e cresceranno di 9 unità. Aumenteranno anche i gate (da 14 a 16).

Spazio anche per nuovi ristoranti, locali terrazza e lounge vip. Ancora, ci saranno nuove zone food& beverage. L’area complessiva del terminal, alla fine degli interventi, aumenterà del 21%. Da un punto di vista grafico, gli interventi si rifaranno agli elementi iconici della Sicilia.

“I nuovi lavori – ha detto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando – che amplieranno l’aeroporto di Palermo e lo renderanno più sicuro hanno radici antiche perché partono dall’azione di risanamento della Gesap, avviata a partire dall’insediamento della mia amministrazione, che prima ha portato all’attivo di bilancio e poi, con sole risorse dell’azienda e senza gravare in alcun modo sui soci né su altri enti pubblici, ha portato nel 2017 al finanziamento degli istituti di credito che oggi rende possibile tutto questo.

Un investimento di decine di milioni di euro, frutto della solidità finanziaria e della affidabilità della Gesap costruita negli anni, che ne hanno accresciuto la credibilità internazionale in un contesto sempre più competitivo ed in un settore strategico per lo sviluppo di Palermo e del suo territorio”.