Alla scoperta della storia di Palermo.

  • Cappella e Loggia dell’Incoronazione, il centro storico da scoprire.
  • Un elegante portico racchiude tante storie da scoprire.
  • Il complesso è composto dalla cappella e un suggestivo porticato.

A due passi dalla Cattedrale di Palermo, camminando per il centro storico del capoluogo, non si può fare a meno di notare un’elegante portico, una loggia con colonne e capitelli. Vedendola, ci si chiede quando sia stata costruita o perché si trovi proprio lì. Magari ci si domanda anche quale fosse la sua funzione. Si tratta della Loggia dell’Incoronazione, portico della Cappella dell’Incoronata. La cappella è un edificio di culto normanno, ubicato proprio su via Incoronazione, tra il prospetto settentrionale della Cattedrale e il Papireto. Il complesso, nel suo insieme, è composto dalla cappella, che presenta una navata unica e monoabsidata, con asse allineato nord-sud, più la loggia, che è larga quasi quanto la cappella, oltre a ciò che resta di un vestibolo. Tutta l’area in epoca musulmana era occupata da una grande moschea e qui c’era una sala ipostila.

Loggia dell’Incoronazione, il balcone dei sovrani

Siamo certi del fatto che vi stiate chiedendo perché si chiami proprio “dell’Incoronazione“. Ebbene, secondo la tradizione, i re di Sicilia che venivano incoronati nella vicina cappella, si affacciavano proprio da qui, per ricevere il plauso del popolo. All’interno dell’edificio sono visibili le basi delle colonne che formavano la sala islamica. Questi luoghi rappresentano dunque una importante testimonianza del susseguirsi di epoche e popolazioni, nonché di stili. La cappella, la loggia dell’Incoronazione, il portico e la porzione interessata della “via Coperta” sono incastonate nel vertice sud – occidentale dell’isolato denominato della “Badia nuova”, adiacente al palazzo Agnello. A ovest fronteggia il Palazzo vescovile, a nord la chiesa di Santa Cristina la Vetere, all’angolo opposto ad est sulla stessa via Incoronazione sorge la chiesa della Madonna di Monte Oliveto detta “Badia nuova”.

La cappella dell’Incoronazione sotto il titolo di «Santa Maria Incoronata» era un tempo l’edificio di culto deputato all’incoronazione dei sovrani. In seguito assunse la funzione di archivio della Cattedrale e delle scritture della Maramma (parola che deriva dal francese antico-normanno). Custodiva l’inventario dei materiali e ospitava i controllori preposti a dirigere la “Fabbrica del duomo”. Foto di Effems – Opera propria, CC BY-SA 4.0.

Articoli correlati