Un palermitano alla “Academia Europaea”.

  • Il siciliano Mario Pagliaro membro onorario della prestigiosa organizzazione.
  • Il chimico del Cnr di Palermo si unisce ad altri eminenti scienziati d’Europa.
  • I membri dell’Accademia aspirano a promuovere l’insegnamento, l’istruzione e la ricerca.

Il palermitano Mario Pagliaro, chimico del Cnr del capoluogo, è entrato a far parte della Academia Europaea come membro onorario. L’accademia è stata fondata a Londra nel 1988 e riunisce alcuni dei più eminenti scienziati, la maggior parte dei quali sono attivi in un Paese europeo. Alla fine del 2020 ne facevano parte 4.567 membri (313 in Italia e 72 insigniti del Premio Nobel). L’iscrizione avviene soltanto per invito, seguendo un processo di valutazione accademica da parte di chi è già all’interno. Questa istituzione fu fondata come Accademia europea della scienza, umanistica e letteratura, durante un meeting tenutosi a Cambridge nel settembre 1988. Il primo Presidente fuArnold Burgen. Il primo Meeting Plenario, invece, si è tenuto a Londra nel giugno 1989, quando i membri erano 627.

Mario Pagliaro, siciliano all’Academia Europaea

Insieme al chimico palermitano, ci sono altri scienziati italiani, tra cui il neuroscienziato Giacomo Rizzolatti, i fisici Giorgio Parisi e Antonio Zichichi e il chimico Silvia Bordiga. I membri appartengono a tutte le discipline scientifiche, incluse quelle umanistiche e alle scienze economiche e sociali. La classe delle cosiddette “scienze esatte”, alla fine del 2020, incloudeva 1.623 membri, di cui 265 nella sezione delle “scienze chimiche”. Il presidente dell’Academia, Sierd Cloetingh, ha scritto a Pagliaro: «Mi congratulo con lei per essere stato selezionato nel processo competitivo che porta all’elezione dei nuovi membri». Mario Pagliaro è il secondo studioso attivo in Sicilia ad essere eletto nei ranghi dell’Accademia. Il primo, nel 2016, era stato nel 2016 il professore di fisica teorica Vincenzo Greco, dell’Università di Catania.

Articoli correlati