Meraviglie in Sicilia.

  • Tesori Siciliani invidiati in tutto il mondo.
  • Un elenco di luoghi ammirati a ogni latitudine, impossibili da imitare.
  • Dalla Valle dei Templi alle Saline, facciamo un viaggio nelle nostre eccellenze.

La Sicilia è una terra ricca di storia e cultura. Da una parte all’altra della nostra isola sono praticamente infiniti i siti archeologici, naturalistici e culturali che è possibile ammirare. I visitatori di ogni parte del mondo rimangono incantati di fronte ai paesaggi e, diciamoci la verità, provano anche un po’ di invidia. In particolare ci sono alcuni tesori siciliani che, più degli altri, hanno conquistato un posto speciale nel cuore di chi li ha visitati. Non solo monumenti e costruzioni che richiamano i fasti del passato, ma anche un patrimonio naturalistico che lascia i visitatori senza fiato. Sappiamo che ci troviamo in un periodo storico molto delicato, con l’emergenza Covid che limita gli spostamenti e la fruizione degli spazi. Vogliamo parlarvi di queste meraviglie proprio per non perdere la speranza: la Sicilia più bella è lì che ci aspetta, per godere dei tempi migliori.

I tesori siciliani invidiati in tutto il mondo

  1. Cominciamo dalla Valle dei Templi di Agrigento. Il meraviglioso parco archeologico si caratterizza per un eccezionale stato di conservazione e racchiude al suo interno importanti templi dorici del periodo ellenico. Corrisponde all’antica Akragas, monumentale nucleo originario della città di Agrigento. Offre l’opportunità di camminare davvero sulla storia.
  2. Rimanendo nell’Agrigentino troviamo la strepitosa Scala dei Turchi di Realmonte. Una scogliera di marna bianca a picco sul mare, paradiso dei fotografi e della natura. Pensate che è stata la spiaggia più “instagrammata” (e la cosa non ci stupisce!). Come si fa a non invidiare un gioiello di questo tipo? Le spiagge e il mare siciliano rimane una delle motivazioni che invogliano di più i turisti.
  3. Parlando di fascino, come non farsi conquistare dalle Saline di Trapani e Marsala? Le montagnette di sale, i mulini, il mare… un paesaggio di pace e relax inimitabile. Al tramonto è davvero un’esperienza unica.
  4. Dal mare alla montagna, naturalmente non possiamo non citare l’Etna, il Vulcano per eccellenza, croce e delizia di quest’isola. Lo chiamano “a Muntagna”, al femminile, perché è come una mamma di tutti i territori circostanti. Il fuoco della lava si mescola con il gelo della neve: inimitabile!
  5. Cambiando decisamente paesaggio, ci spostiamo nelle città d’arte. Il Teatro Massimo di Palermo è un vero e proprio gioiello: imponente e maestoso, ha una storia complessa che ha lasciato il posto a un presente di sicuro splendente.
  6. Rimaniamo in quest’area con il celebre Itinerario Arabo-Normanno, anch’esso Patrimonio dell’Umanità Unesco, che unisce idealmente il capoluogo con Monreale e Cefalù.
  7. A proposito di Patrimoni dell’Umanità, non possiamo certo dimenticare il Val di Noto. Nel 2002, è stato inserito fra i siti italiani della World Heritage List dell’UNESCO per le sue splendide città tardo barocche: Caltagirone, Militello in Val di Catania, Catania, Modica, Noto, Palazzolo, Ragusa e Scicli. Vennero ricostruite dopo il catastrofico terremoto del 1693a. L’architettura, la pianificazione urbana e la decorazione dei palazzi costituiscono il culmine e uno degli ultimi periodi di fioritura del barocco in Europa.
  8. A proposito di città spettacolari, che dire di Taormina? È uno dei centri turistici internazionali di maggiore rilievo della regione siciliana, conosciuta per il suo paesaggio naturale, le bellezze marine e i suoi monumenti storici. È stata un’importante meta del Grand Tour.
  9. Cambiamo decisamente scenario con la prima area naturalistica riconosciuta ufficialmente in Sicilia: la Riserva dello Zingaro. Calette strepitose e natura incontaminata: cosa chiedere di più?
  10. Vogliamo concludere il nostro viaggio ideale tra i tesori della Sicilia con le Isole Minori. Le includiamo tutte, perché tutte meritano un posto di rilievo. Dalle Egadi alle Eolie, arrivando fino a Pantelleria e Lampedusa, regalano paesaggi che sembrano opera del pittore più abile.

Foto in evidenza di Guido Sorano

Articoli correlati