Uno degli edifici più enigmatici di Palermo: Palazzo Conte Federico.

  • A pochi passi dalla Cattedrale si trova una misteriosa e importante pagina della storia del capoluogo.
  • Basta attraversare il portone per avvertire subito un’atmosfera ricca di fascino.
  • Il palazzo si trova nel cuore del centro storico.

Il centro storico di Palermo regala alcuni edifici davvero spettacolari. Queste costruzioni custodiscono al loro interno importanti pagine di storia e, ancora oggi, si mostrano ai visitatori lasciandoli senza fiato con la loro bellezza. Palazzo Conte Federico si trova poco distante dal mercato storico di Ballarò e dalla Cattedrale ed ha indubbiamente molto da raccontare. Lo stesso cortile interno è uno dei più belli e meno conosciuti della città, con quattro prospetti finemente decorati in pietra da intaglio. Questi si devono all’architetto Giuseppe Veneziano Marvuglia e risalgono al 1750. Per salire al piano nobile c’è uno scenografico scalone in marmo.

I proprietari di Palazzo Conte Federico hanno deciso di aprire le porte ai visitatori e periodicamente vengono organizzati dei tour alla scoperta di questo bellissimo luogo. Davanti all’ingresso principale vi sono due spegnitorce in marmo rosso, che venivano usati dai portantini all’arrivo al piano superiore, prima di entrare nei saloni. In successione vi sono i saloni e le sale di rappresentanza, dove si incontrano varie epoche. Troviamo, dunque, la “sala blu”, la “sala degli stemmi”, la “sala verde”, la “sala delle armi” e, infine, la “galleria del ballo”. Qui si trova un prezioso pianoforte a coda che Wagner suonò nel 1882, durante un soggiorno a Palermo.

I simboli nascosti

Proprio in questo salone troviamo la prima misteriosa testimonianza. Si tratta di un affresco: il Trionfo della Purezza tra le Virtù del tempo. Tra i soggetti, infatti, vi sono nascosti alcuni simboli ben precisi, come l’occhio iscritto in un triangolo, ben occultato sulla testa della Purezza. Si racconta che il salone era un tempio massonico. In generale è possibile scorgere diversi simboli sparsi per il palazzo: se siete amanti dei misteri e delle curiosità, vi consigliamo vivamente una visita. Al piano superiore c’è la parte più antica e affascinante del palazzo, cioè la torre arabo-normanna risalente al XII secolo, denominata Torre Busuemi o Torre di Scrigno. Posta sopra le mura puniche della vecchia città, era in una posizione strategica. Palazzo Conte Federico entra di diritto tra i più importanti esempi di architettura medievale di Palermo.

Articoli correlati