Torna “Panormus, la scuola adotta la città“. Dopo uno stop “forzato” di due anni, la manifestazione culturale più longeva di Palermo presenta la sua 26esima edizione. Studenti e studentesse di 53 scuole e bambine e bambini di 19 asili nido animeranno i luoghi simbolo della città marittima durante 4 fine settimana. Il programma.

Panormus, La scuola adotta la città

La manifestazione è nata nella primavera del 1994 dalla volontà della scuola e della società civile di riappropriarsi di Palermo e dei suoi spazi. “Vivere la città al ritmo del suo mare” è il tema di questa nuova edizione. Ragazzi e bambini animeranno i luoghi simbolo della Palermo marittima nel corso di quattro fine settimana: 9-10 aprile, 23-24 aprile, 7-8 maggio, 14-15 maggio.

Le attività in programma sono giochi, performance teatrali e musicali, laboratori di ogni tipo. Si svolgeranno tra il Foro Italico, il molo Sant’Erasmo, Mondello, Sferracavallo, l’Arenella, Romagnolo, Settecannoli e La Cala. Coinvolgeranno – oltre alle scuole – numerose associazioni che operano in quei territori.

Adottare luoghi che intrecciano una relazione con il mare Mediterraneo, significa riportare alla luce la trama babelica della città, aperta alla coesistenza delle differenze culturali e linguistiche, nelle quali è sopravvissuta e si è evoluta.

«Nel ricordo di Alessandra Siragusa, a cui la città dedicherà un tratto del Lungomare del Foro Italico – ha dichiarato nel corso della conferenza stampa l’assessore alle CulturE e alla Toponomastica, Mario Zito – ripartono dopo due anni di fermo dovuto alla pandemia le attività di “Panormus, La Scuola adotta la città“. Il tema scelto per questa edizione, Vivere la città al ritmo del suo mare, vuole essere l’invito per l’intera città-comunità a ritrovare un respiro “comune” che ci permetta di cantare in polifonia di voci la Bellezza della città, i colori del mare, le voci della “gente di mare”».

Il programma

9 – 10 aprile – Foro Italico

S.M.S. A. Pecoraro; nidi d’infanzia Faro, Pellicano, Libellula. Laboratori e performance musicali; racconto e drammatizzazione di storie; lenzuolo scenografico.

9 – 10 aprile – Molo S. Erasmo

D.D. De Amicis; I.C. Di Vittorio; I.C. Rita Borsellino; scuola dell’infanzia Titti School; nido d’infanzia Fantabosco. Riproduzione dipinti dell’artista Maurilio Catalano e drammatizzazione dell’Odissea e delle avventure di Ulisse; attività grafico – pittoriche; creazione strumenti musicali e finestre in 3D che riproducono il mare calmo e in tempesta; laboratori musicali e di poesia; rielaborazione del quadro “I colori della vita” di Vincent van Gogh; mostra di acquerelli.

23 – 24 aprile – Mondello S.M.S.

Borgese XXVII Maggio; scuola dell’infanzia Libere Arti; nido d’infanzia Peter Pan. Canto di origine africano; rappresentazione grafica e pittorica del mare e delle onde; “Dal mare…al mare”: viaggio alla scoperta del mondo naturale e ambientale del mare; esplorazione e analisi del paesaggio sonoro marittimo accompagnati dall’artista della Fondazione Mondo Digitale Pier Alfeo.

23 -24 aprile – Sferracavallo

Istituto Minutoli; I.S. F.P. Cascino; nido d’infanzia Francesca Morvillo. “Il mare: profumi ,sapori e tradizione a tavola”; racconto della storia del pesciolino Arcobaleno; canti e costruzione di suoni con materiali naturali.

7 – 8 maggio – Arenella

Educandato Maria Adelaide; I.I.S. Duca Abbruzzi Libero Grassi; I.C. Sferracavallo; I.C. Lombardo Radice, I.C. Karol Woytjla Arenella; scuole dell’infanzia Altarello, Giuseppe Di Matteo, Stella Marina, Withaker; nidi d’infanzia Aquilone, Girasole, Grillo Parlante, La Coccinella, Melograno, Pantera Rosa, Pole Pole, Rallo, Santangelo, Tornatore; La Casa della Musica; C.B.F. Spazio Insieme 0/3. Viaggi virtuali nei luoghi del quartiere Acquasanta; recitazione di poesie; attività sportiva con la canoa; itinerario turistico a tappe; simulazione della navigazione; laboratori di esplorazione, osservazione e scoperta di elementi appartenenti al mondo marino; “Una favola blu…il mare”, realizzazione di piccoli acquari e strumenti musicali; letture e racconti sul mare con percorsi di osservazione, ascolto, manipolazione e percezione sensoriale; costruzione di strumenti musicali con materiale naturale; rappresentazione grafico – pittorica del mare; “La scatola del Mare”: raccolta e custodia dei ” ricordi del mare”; rappresentazione di “C’era una volta Mago Popino”; giochi a quiz a squadre: ” Quanto conosci il tuo territorio?

14 – 15 maggio – Romagnolo

I.C. Sperone Pertini; I.C. R. Guttuso; I.C. Russo Raciti; I.C. G. Scelsa; D.D. Cavallari;Centro Diaconale La Noce Istituto Valdese. Realizzazione di un Diorama a tema spiaggia; creazione di strumenti musicali e racconto di “Colapesce”; “Che suono fa il silenzio? Il suono del mare…”: danza, musica e arte figurativa; “Il mare da ascoltare, il mare da sentire, il mare da rappresentare”: produzioni artistiche, musicali e danza.

14 – 15 maggio – Settecannoli

Istituto Galileo Galilei Laboratorio di movimento con simulazione del mare e delle onde e realizzazione di strumenti musicali.

14 – 15 maggio – La Cala

I.I.S.S. Ferrara; I.I.S.S. Gioeni Trabia; I.C. Maneri Ingrassia Don Milani; I.C. Manzoni Impastato; I.C. Perez – Madre Teresa di Calcutta; I.C. Boccone; I.C. Mattarella Bonagia; CPIA Nelson Mandela ex Palermo; D.D. Gabelli; D.D. Garzilli; I.C. A. Ugo; S.M.S. Vittorio Emanuele Orlando; I.I.S. Damiani Almeyda Crispi; Istituto Maria SS. Del Rosario; nidi d’infanzia Filastrocca, Papavero, Maria Pia di Savoia; ECONIDO; Società Cooperativa Sociale Pueri. Laboratorio di costruzione aquiloni, di pittura e nautica; illustrazioni grafiche della leggenda di “Colapesce” e canti popolari siciliani; realizzazione con materiali di riciclo di strumenti musicali che evocano il suono del mare; creazione di un lenzuolo dipinto che riproduce il mare; canti e recite con abiti a tema; mostra fotografica e performance musicale; lettura di poesie sul mare accompagnate da musica; visite didattiche, proiezioni cinematografiche e laboratori teatrali e di movimento. Le associazioni che hanno partecipato e collaborato con le scuole: A.S.D. Tecnonaval Team Canoa, Team progetto Open Space, YOLK Ente Terzo Settore (ETS), Casa Lavoro e Preghiera di Padre Messina “Progetto Odisseo”; Associazione Lisca Bianca; Lega Navale; ACSI Delegazione Sicilia Occidentale; A.S.D. Albaria.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati