Continua il nostro viaggio alla scoperta dei luoghi più affascinanti della Sicilia. Stavolta facciamo tappa a Palermo, per parlare di piazzetta Sette Fate, un luogo che già dal nome attira la nostra curiosità. Siamo di fronte alla Chiesa di Santa Chiara e a spiegarci perché questo cortile si chiama così è Giuseppe Pitrè.

«‘Ntra stu Curtigghiu di li setti Fati, ‘nta la vanidduzza chi spunta ‘nfacci lu Munasteriu di Santa Chiara, vonnu diri ca la notti cci vinìanu sette donni di fora, tutti una cchiu bedda di ‘n’àutra. Sti donni si purtavanu quarchi omu o puramenti quarchi fimmina chi cci parìa a iddi, e cci facianu vidiri cosi mai visti: balli, sònura, cummiti, cosi granni. E vonnu diri puru ca si li purtavanu supra mari, fora fora, e li facianu caminari supra l’acqua senza vagnàrisi.

Ogni notti faciànu stu magisteriu, e poi la matina spiriànu e, un si nni parrava cchiui. Di ddocu nni veni ca stu curtigghiu si chiama lu curtigghiu di li setti Fati».

Stando a questa descrizione, quindi, qui apparivano ogni notte sette bellissime fate, che rapivano qualche uomo o qualche donna, per condurli in luoghi fantastici. I fortunati venivano ricondotti all’alba lì dove erano stati dolcemente rapiti, ma non ricordavano nulla. Le fate erano ricondotte alle “donne di fora”, protagoniste di un antichissimo culto legato alla Dea Madre.

In realtà, esiste anche una spiegazione meno poetica e più concreta. Le sette fate in questione sarebbero state delle “lucciole” che rapivano i sensi dei clienti.