‘Na matri, dedicata a tutte le mamme.

Nel mese di maggio si celebra tradizionalmente la festa della mamma. Una ricorrenza che chiama in causa i sentimenti più profondi e preziosi, quelli che custodiamo nel profondo del nostro cuore. Al di là delle giornate in cui si festeggia “ufficialmente”, è sempre bello dedicare un pensiero alle mamme, veri e propri fari delle nostre esistenze. La poesia siciliana di Giuseppe Lodato che condividiamo oggi con voi è un esempio di come ogni giorno sia adatto per fare un omaggio alla mamma. Si intitola ‘Na matri e, attraverso la lingua siciliana, descrive benissimo tutto ciò che una madre può rappresentare. Siamo certi del fatto che la troverete bella. Potete seguire Giuseppe Lodato sulla sua pagina Facebook personale, cliccando qui, o sul profilo delle sue poesie, che trovate qui.

Poesia Siciliana, “‘Na matri”

‘Na matri è cunsìgghiu è paròla di cunfòrtu,
quannu tutt’ attòrnu ti pari stortu.
È dda vuci rintra di tia,
chi ti leva la malincunìa.

‘Na matri è manu c’un ti lassa,
cu idda acciàncu tuttu passa.
Si l’ùnicu pinsèri c’havi ‘nta la testa,
si tutti s’alluntànanu sulu idda resta.

‘Na matri si leva di ‘mmucca lu manciàri,
senza d’idda com’ avìssimu a fari.
Tutti cosi lu sò amùri pirdùna,
cummògghia tuttu, facènnu finta c’un si n’addùna.

‘Na matri è amùri c’un canùsci cunfìni,
starà cu tia finu a la fini.
Quannu ti senti sulu e cunfùsu,
l’amùri di ‘na matri addivènta priziùsu.

‘Na matri prea sempri lu Signùri,
ti duna sustègnu, forza e calùri.
Nun ti tradìsci ne ora e ne mai,
si cacchèrunu ti tocca sunnu vài.

‘Na matri è l’ùnicu amùri chi dura in etèrnu,
p’addifènniri a tia issi puru a lu ‘nfèrnu.
Arrèsti sempri lu sò piccirìddù,
ti raccumànna sempri d’un pigghiàri friddu.

‘Na matri quannu ‘ncelu si n’acchiàna,
t’arrèsta vicìnu un s’alluntàna.
Quannu nun c’è cchiù, senti chiossài la sò prisènza,
picchì nuddu pò jìnchiri la sò assènza.

Articoli correlati