Chi bedda jurnàta di Giuseppe Lodato.

  • La poesia siciliana per chi ha dimenticato la bellezza delle piccole cose.
  • Questo componimento in lingua siciliana ci ricorda che possiamo trovare gioia nelle cose semplici.
  • Un monito importante, soprattutto di questi tempi.

L’odore della campagna, il primo sole davvero caldo, il suono delle campane, la natura che ci regala i suoi frutti. La nostra vita frenetica ci fa dimenticare che, al mondo, c’è anche questo. Siamo talmente presi dal lavoro, dalle preoccupazioni e dalle commissioni che dobbiamo svolgere ogni giorno, da aver messo in secondo piano noi stessi. Per avere cura di noi, però, basta davvero poco. È già sufficiente una poesia siciliana come Chi bedda jurnàta di Giuseppe Lodato. Parole semplici e sincere, che scaturiscono dal cuore e dritte al cuore arrivano. Stiamo vivendo un periodo storico difficile e delicato. Siamo messi a dura prova ogni giorno, tra incertezze e paure, ma proprio per questo è importante leggere qualcosa di bello, che sappia rinfrancare lo spirito. Giuseppe ci ricorda che, intorno a noi, c’è tanta bellezza, a partire dalle piccole cose. Non dimenticatelo, soprattutto nei momenti di sconforto. Vi lasciamo alla poesia. La foto è di Vito Zito.

Poesia Siciliana: Chi bedda jurnàta di Giuseppe Lodato

Caminàri, pì li campàgni a peri scàvusi,
a pettu nuru e un paru di càvusi.
Ciaràri lu bàlacu, l’ànnaru e l’addàvaru,
èssiri cuntènti dì lu primu càvuru.

Vìviri a manu unciùti acqua di funtàna,
priàrisi a lu sonu di ‘na campàna.
Taliàri li furmìculi firriàri,
sèntiri l’acciddùzzi cantàri.

Cògghiri spàraci, ‘nchiùnchiulu e pisèddi,
spicchiàri favi rossi e nicarèddi.
Chiantàri basìlicò e pumamùri,
zappàri li vigni pì uri e uri.

Di troppi cosi avèmu la testa pigghiàta,
chi mancu ni priàmu sì c’è ‘na bedda jurnàta.
‘Nsignàmunni a taliàri chiddu c’avèmu attornu,
e ringraziàmu a Diu d’ogni santu jòrnu.

Articoli correlati