Sicilia da leggere e gustare: le ricette del Commissario Montalbano.

  • Tra le pagine dei romanzi di Andrea Camilleri non mancano mai gustosi riferimenti alla cucina siciliana.
  • Anche la fiction Rai ispirata alle vicende del Commissario Salvo Montalbano vede spesso protagonisti i migliori piatti della tradizione dell’Isola.
  • Scopriamo insieme quali sono le ricette più famose e come prepararle in casa.

I romanzi del Commissario Montalbano, nati dalla creatività di Andrea Camilleri, hanno fatto conoscere ancora di più la Sicilia in tutto il mondo. Le vicende, ambientate nell’immaginaria Vigata, hanno preso vita anche sul piccolo schermo, nella seguitissima fiction Rai. Sia su carta che in televisione, la migliore tradizione enogastronica siciliana è protagonista. Le ricette del Commissario Montalbano sono ricercatissime. Abbiamo visto  Salvo Montalbano a tavola in moltissime occasioni. Quello tra il personaggio di Andrea Camilleri ed il cibo è un rapporto autentico e fatto di regole ben precise, come quella che vieta di conversare mentre si mangia. In più di una pagina siede a tavola nel ristorante vista mare dell’amico Enzo o gusta uno dei piatti della “sua” Adelina. Anche sul piccolo schermo, con il volto di Luca Zingaretti, il commissario gusta tante prelibatezze. Impossibile, ad esempio, non pensare subito ai famosi arancini ed ai tanti, immancabili, riferimenti alla cucina che compaiono nelle sue vicende.

I piatti del Commissario

La cucina di Montalbano potrebbe essere definita un omaggio ai prodotti di Sicilia e tante delle ricette della tradizione: sono moltissimi i piatti a base di pasta e pesce che vengono citati, lungo un percorso che riscopre il piacere di stare a tavola. Ce n’è davvero per tutti i gusti, come gli esempi che vi proponiamo di seguito. Partiamo dagli antipasti, con l’immancabile antipasto di mare, le alici con la cipollata o i gamberi e purpiteddri in salsetta, solo per citarne alcuni. I primi piatti, invece, spaziano dai cavatuna cu sucu alla pasta ncasciata, senza dimenticare la pasta con i broccoli, la pasta alla norma, la pasta fredda con pomodoro, passuluna e basilico, fino ai cavatuna con olio, pepe nero e cacio pecorino.

Ancora, i secondi sono un trionfo di purpi alla carrettera, polipetti affogati, baccalà a’ ghiotta e immancabili triglie di scoglio con olio e limone. Tutto pesce freschissimo e appena pescato, ovviamente! C’è spazio anche per i secondi di carne, con brusciuluni, salsiccia alla brace, costi mbriachi (cioè costine di maiale “annegate” nel vino) ed agniddruzzo al finocchietto serbaggio. Come si può concludere un pasto, se non con i dolci? Largo, quindi a cannolisorbetto di gelsonimo, gelato di campagna, cubaitamostazzoli di vino cotto.

Che dire? Le ricette del Commissario Montalbano sono tutte da provare!

Articoli correlati