Cucina Siciliana creativa della tradizione.

  • Ricette Siciliane di Riciclo: oggi si mangia con quello che c’è.
  • Ecco un una serie di piatti che potete fare con gli avanzi che avete già in casa.
  • Dall’antipasto al dolce, non rimarrete delusi.

La cucina siciliana più tradizionale è sempre riuscita a fare di necessità virtù. Con quel poco che aveva a disposizione ha saputo realizzare piatti eccellenti, grazie ai quali non si è buttato mai niente. La cucina degli avanzi, dei resti, è un grande classico, soprattutto della tradizione povera. Per questo motivo, abbiamo deciso di suggerirvi le ricette siciliane di riciclo: una serie di piatti gustosi, che potete fare con quello che avete già in casa. Si mangia con quello che c’è!

Menù con le ricette siciliane di riciclo

  1. Cominciamo con un piatto unico da leccarsi i baffi: i Medaglioni con Ragù. Il pane duro è il grande protagonista. Vi serviranno: 8 fette di pane raffermo; 8 cucchiai di ragù misto; 1 tazza di piselli già cotti; 2 cucchiai di formaggio grattugiato; mezza tazza di besciamella; un po’ di farina; pangrattato; 2 uova. Mettete in un piatto fondo il latte. Inumidire le fette di pane e strizzatele bene, quindi adagiatele su un vassoio. In una ciotola mescolate il ragù, la besciamella, il parmigiano e i piselli, ottenendo un impasto consistente. Mettete una cucchiaiata di impasto su ciascuna fetta di pane e fate una cupoletta. Versate la farina in un piatto piano, in un altro il pangrattato e sbattete leggermente le uova in un piatto fondo. Passate le fette nella farina, poi nell’uovo sbattuto e infine nel pangrattato. Friggete nell’olio bollente.
  2. Tra le ricette siciliane di riciclo, meritano un posto speciale le polpette. Potete realizzarle come preferite: da quelle di pane e formaggio (trovate la ricetta qui) a quelle con diversi tipi di carne, lasciatevi guidare dalla fantasia. Con una bella panatura, faranno felici grandi e piccini. Altrimenti potete tuffarle nella salsa di pomodoro.
  3. Anche le arancine possono essere una ricetta fatta con i resti. Pensate, ad esempio, a quando vi rimane del risotto già pronto. Il giorno dopo non è poi così allettante ma, se lo trasformate in una bella arancina (o arancino) avrà tutto un altro sapore, magari in versione mignon.
  4. Che dire, poi, della fantastica pasta con la glassa? Non fatevi ingannare dal nome: non è un dolce! Si tratta di un buonissimo primo piatto a base di carne. Se il giorno prima avete fatto l’aggrassatu con patate (qui la ricetta), il giorno dopo avete un condimento speciale per un primo piatto da re (lo trovate qui).
  5. A proposito di pasta, ovviamente merita un posto tutto suo la mitica pasta fritta: quando avanzano degli spaghetti, non c’è modo migliore di utilizzarli! Con un click qui, trovate il procedimento per farla.
  6. Avete presente il macco di fave, quella buonissima crema che si gusta da sola o con la pasta? Ecco: il giorno successivo a quello della preparazione può essere tagliata a tocchetti, impanata e fritta. Il macco di fave fritto è un antipasto buonissimo (vi basta cliccare qui per la ricetta).
  7. Chiudiamo in bellezza, con un suggerimento per il dolce. La crostata è un ottimo modo per utilizzare tutti gli avanzi. Che siano di frutta fresca o di marmellata, create una semplice frolla e uniteli tutti: sentirete che bontà! Potete anche divertirvi nel fare indovinare ai commensali quale frutta ci avete messo. Foto da video.

Articoli correlati