Si rinnova l’appuntamento con la Sagra dell’Asparago Pungitopo, in programma a San Cono – Rometta (Messina) sabato 6 luglio, a partire dalle ore 20. La sagra, giunta alla decima edizione, rappresenta ormai un momento d’incontro fondamentale con la tipica cucina romettese.

L’asparago pungitopo (nome scientifico Ruscus aculeatus) è un arbusto sempreverde che può arrivare a misurare 80 cm di altezza. Questa pianta è caratterizzata da bacche di colore rosso che maturano in inverno e che vengono impiegate per scopi ornamentali (ad esempio nel periodo delle feste natalizie). L’asparago ha anche dei germogli che maturano in primavera e che vengono raccolti tra i mesi di Marzo e Maggio.

Tali germogli sono utilizzati in cucina e rappresentano uno degli ingredienti utilizzati nella cucina romettese. L’asparago pungitopo, dal tipico sapore amarognolo sapientemente stemperato in cottura, ha molte proprietà benefiche per l’organismo umano: ha effetti diuretici, viene utilizzato come antinfiammatorio e anche nella cura delle varici venose e delle emorroidi e si dice che sia il più potente vasocostrittore esistente in natura.

L’attributo di “pungitopo” deriva dall’utilizzo particolare che veniva fatto delle foglie della pianta. Grazie ai suoi aculei, le foglie dell’asparago pungitopo erano particolarmente utili nel proteggere i cibi (i formaggi, soprattutto) dall’attacco dei roditori.

Nel corso della serata, attraverso un percorso che toccherà diversi stand, si potranno assaggiare pietanze tutte rigorosamente preparate con l’asparago pungitopo dai volontari dell’Associazione “Vivi Rometta”, che ogni anno si prodigano per l’ottima riuscita dell’evento e che ne curano ogni minimo aspetto. In questo lavoro i volontari saranno coadiuvati dal panificio “U Catoju”.

Articoli correlati