La magia della poesia siciliana.

  • Un vasuneddu è una poesia di Giuseppe Lodato perfetta per questi tempi.
  • È un periodo in cui tutti, volenti o nolenti, siamo messi a dura prova ed è per questo che serve un po’ di dolcezza.
  • La musicalità dei versi siciliani riesce ad arrivare dritta al cuore.

Non si può dire che siano tempi facili, questi. Sono numerose le sfide che ognuno di noi affronta ogni giorno ed è più che normale sentirsi un po’ più malinconici, tristi o pensierosi. Per alleviare un po’ di quella malinconia, abbiamo scelto la dolcezza della poesia siciliana di Giuseppe Lodato. Si chiama “Un vasuneddu”, cioè “un bacetto”, “un bacio”, chiamato così in modo molto affettuoso. I versi descrivono molto bene l’attualità che viviamo, che ci impone una distanza fisica anche dai nostri affetti più cari. Non è semplice, ne siamo consapevoli. Ci si può rispecchiare facilmente nei versi di Giuseppe che, in modo delicato e discreto, sanno raccontare. Vogliamo interpretarli anche come un bel messaggio di speranza, in previsione di tempi migliori che ci permetteranno di abbracciarci e baciarci quanto vogliamo.

Un Vasunessu di Giuseppe Lodato

Mai accùssi assai l’hàiu addisiàtu,
anchi sulu un vasunèddu vulìssi datu.
Veramènti ni vulìssi a centinàra,
ma m’accuntintàssi di ‘na para.

Stu càspita di covid di troppi così ni sta privànnu,
e troppu dulùri ntà li famìgghi sta purtànnu.
Lu scrùsciu d’un vasunèddu quantu beni chi ni facìssi,
arrè lu surrìsu ntà li facci ni mittìssi.

‘Na màscara la vucca n’ammuciàu,
e puru lu surrìsu ni livàu.
Lu scrùsciu d’un vasunèddu rapìssi arma e menti,
p’un mumèntu nun ni facìssi pinsàri cchiù a nenti.

Lu sonu di li campàni, lu cantu di l’acèddi, lu scrùsciu di lu mari,
sunnu tutti cosi chi ni fannu arricrìari.
Ma p’accamòra nun ci fussi nenti di cchiù beddu,
c’arricìviri cu tuttu lu cori un vasunèddu.

Articoli correlati