La poesia siciliana che accende la speranza.

  • La poesia di Giuseppe Lodato chiamata “Talìa” ci ricorda che, a volte, trascuriamo proprio le cose che abbiamo davanti gli occhi.
  • Si tratta di un bellissimo componimento in lingua siciliana, da leggere tutto d’un fiato.
  • È come una canzone che riempie il cuore.

A volte c’è bisogno di fermarsi per respirare davvero. Guardarsi intorno e cercare di interpretare la realtà con occhi nuovi. Bisognerebbe sempre trovare il tempo per riposare la mente, soprattutto nei periodi più difficili. Sappiamo bene quanto possa essere difficile riuscirci ed è per questo che vogliamo farvi un piccolo regalo: una poesia siciliana. Questo componimento è di Giuseppe Lodato e si intitola “Talìa”, cioè “guarda”. È davvero straordinario constatare che anche le parole più semplici, quando diventano poesia, riescono ad avere una forza del tutto diversa. Sono un conforto, ma anche un invito a guardarsi intorno, senza dimenticare mai le cose che sono proprio a portata di mano.

Talìa di Giuseppe Lodato

Talìa lu suli e suspìra la matìna quannu ti susi,
ringràzia chi si vivu, anchi si sì cu l’occhi ancòra mezzi chiùsi.

Talìa la terra, l’àrvuli, l’armàli e li frutti,
semu furtunàti chi ancora sta terra ‘ni sfama a tutti.

Talìa lu mari a quantu è ranni e funnu,
e pensa chi la vita è un ciùsciu ‘nta stu munnu.

Talìa li piccirìddi e falli jucàri,
e pi lu sirvìzzu nun t’affannàri.

Talìa lu vècchiu chi nun si pò arriminàri,
nun tiràri dittu e a ddu latu un ti vutàri.

Talìa a tò matri quannu t’abbràzza e vasa,
picchì arriverà un jòurnu chi nun sarà ccchiù a la casa.

Talìa lu celu quannu è chinu di stiddi,
abbràzza a tò patri e accarìzzaci li capìddi.

Talìa, spera, ama e disìa,
di campàri ‘nsalùti e armunìa.

Articoli correlati