Pòviri Arrinisciùti di Giuseppe Lodato.

  • Una nuova poesia siciliana da scoprire insieme.
  • Il componimento di oggi è dedicato a una categoria di persone molto particolari.
  • Chi sono i “poviri arrinisciuti“? Scopriamolo insieme.

La lingua siciliana è davvero unica e inimitabile. Le parole riescono ad avere un suono molto particolare e, quando vengono combinate in versi, regalano risultati tutti da leggere. La poesia siciliana che vogliamo condividere con voi è stata scritta da Giuseppe Lodato e offre alcuni interessanti spunti di riflessione. I protagonisti sono i cosiddetti “pòviri arrinisciùti”, persone arrivista, che non si fanno scrupoli. Nella vita “fannu sulu dannu” e fanno soffrire gli altri con le loro nefandezze. La loro descrizione, nelle belle parole in rima di Giuseppe Lodato, diventa un monito a fare del bene senza avere paura. Non bisogna mai stancarsi di compiere gesti positivi, si verrà sempre ricompensati per una buona azione, in un modo o nell’altro. Soprattutto di questi tempi, in cui conviviamo con tanto egoismo e poca pazienza, è davvero interessante leggere questi versi e fermarsi un po’ a riflettere. Vi lasciamo alla poesia.

Poesia Siciliana Pòveri Arrinisciùti

Quannu fai li cosi, mèttici lu cirivèddu,
picchì u cori bonu viri tuttu beddu.
Li pòviri arrinisciùti si li cosi ti vannu storti,
s’addivèrtinu a chiùriti tutti li porti.

Sunnu tinti e lu sannu,
‘nta vita fannu sulu dannu.
Pensànu d’èssiri sperti e tuttu sapìri,
quanta genti fannu chiànciri e patìri.

Un marrùggiu ri scupa pari chi s’agghiùttinu,
si d’iddi hai di bisògnu si ‘ni fùttinu.
Si di nichi avìssiru assazzàtu la vìria,
di la brava genti unn’avìssiru ‘nmìria.

Pensa sempri a fari lu beni,
picchì a la longa mali un ti ‘ni veni.
Aiuta sempri e un ti stancàri,
fai lu beni e nun ti scantàri.

Articoli correlati