Una delle più belle canzoni di Franco Battiato.

  • Veni l’autunnu, il testo in siciliano della canzone del cantautore di Milo.
  • Quasi una poesia in musica che celebra la nostra terra nel modo più bello.
  • Una canzone da scoprire (o riscoprire).

Franco Battiato ci ha lasciato. Il cantautore siciliano è morto oggi, 18 maggio, all’età di 76 anni, lasciando un grande vuoto nel mondo della musica italiana. Con i suoi brani ha scritto una pagina fondamentale della storia musicale del nostro Paese, che è passata inconfondibilmente dalla sua terra d’origine. Nei suoi testi, infatti, non mancano i riferimenti alla Sicilia, alla sua storia, ai suoi paesaggi e alla sua lingua, così musicale e unica. “Veni l’autunnu” è un brano datato 1988: fa parte di “Fisiognomica”, un disco che segnò l’inaspettato ritorno di Battiato alla musica leggera. Un ambito che aveva momentaneamente abbandonato a favore dell’opera lirica. L’album raggiunse il primo posto in classifica: i brani “E ti vengo  a cercare”, “Nomadi” e “L’oceano di silenzio” vennero anche eseguiti alla presenza del Pontefice Giovanni Paolo II in un concerto storico alla Sala Nervi, il 18 marzo 1989.

Veni l’autunnu, come si intuisce già dal titolo, sceglie la lingua siciliana. La stagione autunnale, che in Sicilia assume tinte e caratteristiche molto particolari, diventa spunto per recuperare ricordi, memorie, aneddoti di famiglia e paesaggi. Non manca un riferimento a uno straordinario proverbio siciliano: “È inutili ca ‘ntrizzi e fai cannola: lu santu è di mammuru e nan sura”. La conclusione del testo è una vera e propria dichiarazione d’amore nei confronti della nostra terra: “Sicilia bedda mia, Sicilia bedda”. Di seguito trovate il testo completo. Foto: rabendeviaregia –  CC Attribution-Share Alike 2.0 Generic.

Veni l’autunnu testo e video

Stamu un pocu all’umbra
Ca c’è troppu suli
Veni l’autunnu
Scura cchiù prestu
L’albiri perdunu i fogghi
E accumincia a scola
Da mari già si sentunu i riuturi
E a mari già si sentunu i riuturi
Mo patri m’insignau lu muraturi
Pi nan sapiri leggiri e scriviri
È inutili ca ‘ntrizzi
E fai cannola
Lu santu è di mammuru
E nan sura
Sparunu i bummi
Supra a Nunziata
‘N cielu fochi di culuri
‘N terra aria bruciata
E tutti appressu o santu
‘Nda vanedda
Sicilia bedda mia
Sicilia bedda
Chi stranu e cumplicatu sintimentu
Gnonnu ti l’aia diri
Li mo peni
Cu sapi si sì in gradu di capiri
No sacciu comu mai
Ti vogghiu beni
ما اسمك؟ اسمي خليفة
ادرس اللغة العربية
لكل شيء وقت وأذان
لكل شيء وقت وأذان
لكل حلم مثابر أمل
لكل حلم مثابر أمل

 

Articoli correlati