Caldo record in Sicilia. L’ondata di calore africano non accenna a demordere, almeno per il momento. La Protezione Civile ha emesso un avviso di allerta relativi ai rischi legati alle condizioni meteo, per le giornate di oggi, 9 luglio e domani, 10 luglio. In particolare, per la giornata di oggi sono particolarmente interessate le province di Palermo e Messina, con un livello 2 (arancione):  temperature elevate e condizioni meteorologiche che possono avere effetti negativi sulla salute della popolazione a rischio.

Per la giornata di mercoledì 10 luglio, invece, sarà la città di Catania a essere interessata dal livello 2: qui la temperatura percepita sarà di 40°C. La colpa del caldo record in Sicilia è da attribuire all’anticiclone africano, che potrà dare tregua soltanto a partire da giovedì 11 luglio. Il termometro è arrivato a valicare il muro dei 42°C nel gelese, con picchi di oltre 40°C in parte del Ragusano e del Siracusano.

Le temperature, dopo la tregua di giovedì, potrebbero tornare a salire. Non sono mancati, in queste ore, gli incendi a Palermo e provincia. I vigili del fuoco sono stati impegnati nella zona di Vicari, nei pressi del bivio Mangano. Ancora, altri roghi si sono sviluppati a Bagheria, Lascari, Cefalù e Santa Cristina Gela.

Caldo record in Sicilia: cosa fare?

In caso di ondate di calore è bene seguire alcuni accorgimenti. In particolare, il ministero della Salute ha fornito alcune semplici regole per garantire il benessere nostro e delle persone a noi care: trovate qui tutti i consigli.