Le Cassatelline di Militello, chiamate anche Cassatelline della Zia Monaca (Cassatiddini da za’ monaca) sono il simbolo della tradizione dolciaria di Militello Val di Catania. Si tratta di cestini di pasta frolla sfogliata, di forma quadrata, riempiti con un impasto di mandorle spellate, confettura di frutta, cioccolato, liquore, cannella e chiodi di garofano. Il tutto è decorato da una candida glassa bianca, asciugata al forno. La preparazione richiede tre giorni di lavorazione.

L’origine delle Cassatelline

A inventare questi dolcetti fu una suora, a za monaca: questa, ritornata a casa dopo anni passati in convento, ideò la ricetta da vendere ai compaesani come mezzo si sostentamento economico. La ricetta viene tramandata da una generazione all’altra e rappresenta indubbiamente il vessillo della tradizione gastronomica di Militello Val di Catania. Ancora oggi, durante le principali festività, la Cassatellina è protagonista indiscussa. Esiste anche una versione senza glassa.

La gastronomia tipica militellese è sostanzialmente quella dolciaria. Oltre a quelli tipici della cucina siciliana, vi sono tante specialità proprie del luogo, nate dalla fantasia e dall’operosità dei cittadini di Militello e dell’antica arte culinaria dei monasteri.

Almeno tre laboratori dolciari assicurano giornalmente la produzione e la vendita delle Cassatelline di Militello.

Foto di Gimalgi73Opera propria, CC BY-SA 3.0, Collegamento