E voi li avete mai contati?

I Diavoli della Zisa è una leggenda che si tramanda da tempo nel capoluogo palermitano. All’origine della leggenda c’è la rappresentazione pittorica di alcune figure mitologiche, riposta in un affresco all’interno del Castello della Zisa.

Un po’ di Storia:

All’Interno di uno dei monumenti più belli della città di Palermo “Il Castello della Zisa” ugualmente noto come la Residenza estiva della Zisa, nasce una particolare leggenda fatta di mistero e di superstizione, di speranza e come sempre di prosperità, ed è la leggenda dei Diavoli, conosciuta ai più con il nome di “Diavoli della Zisa”.

L’origine della leggenda scorre fra i Giardini della Zisa ma pone le sue radici, in un affresco riposto all’interno della Residenza, precisamente sotto una arcata, la stessa che apre la vista alla Sala della Fontana.

Ecco il famoso affresco:

E’ qui infatti che è possibile ammirare l’affresco composto di una quantità numerica di figure mitologiche ad oggi ancora indefinito. Il rompicapo deriva dal fatto che contare le figure dell’affresco, risulta spesso difficile perché si è costretti a far un giro su stessi con il capo rivolto verso l’alto e pertanto accade di perdere il conto.

La leggenda vuole al centro di questo simpatico mistero, un tesoro d' oro, riposto da qualche parte dentro il Castello e visibile solo a colui che sarà in grado di contare le figure sull’affresco.

Come ogni leggenda siciliana entrata nel vivo delle espressioni e dei modi di dire locali, a Palermo quando non tornano i conti, si è soliti citare questa affermazione: E chi su, li diavoli di la Zisa?