Le Mpagnuccate sono un dolce povero della tradizione siciliana, in particolare ragusana. Vengono preparate in occasione del Carnevale, ma anche durante il Natale. Vi sono, inoltre, paesi in cui si utilizza per abbellire le Cene di San Giuseppe, il 19 marzo.

Chiamate anche torrone dei poveri, vengono fatte con delle palline di pasta: in questo ricordano molto gli struffoli. Vengono fritte e passate nel miele, poi servite, secondo tradizione, su foglie di limone appena raccolte, che gli conferiscono un aroma unico. A Carnevale vengono servite creando delle forme di ciambella, decorate con zuccherini colorati.

Ecco come prepararle, a cominciare dagli ingredienti.

  • 4 uova
  • farina (quanto ne assorbono le uova)
  • 300gr di miele
  • olio per friggere o sugna
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • foglie di limone
  1. Unite le uova alla farina lavorando poi l’impasto con le mani unte d’olio fino ad ottenere una pasta molto morbida
  2. Formate dei bastoncini, tagliateli a pezzetti e friggeteli in abbondante olio o sugna (strutto) caldo.
  3. Scolateli ed asciugateli sulla carta assorbente. Sciogliete il miele con zucchero e quando inizierà a bollire versate le palline fritte.
  4. Amalgamate molto bene e disponete la “mpagnuccata” su di un piatto da portata su di un letto i foglie di limone lavate ed asciugate.

Linda Chicca Amore 

Foto di Gianni Walter Guarrasi