Forse non tutti lo sanno, ma la fonte dell’eterna giovinezza si trova proprio in Sicilia. Per secoli ci si è interrogati sull’esistenza di una fonte miracolosa, cercando di capire dove potesse essere, e a fugare ogni dubbio ci pensa la leggenda di Cinzio e Corinzia.

Si narra che due giovani pastori, di nome Cinzio e Corinzia, vivessero della valle dell’Hypsas, l’attuale Valle del Belice. Un giorno deciso di intraprendere il cammino per risalire fino alla sorgente del fiume Belice, un luogo considerato sacro. Risalirono il pendio e, attraverso boschi rigogliosi, giunsero finalmente a destinazione.

La fonte emanava fumi caldi e nebbie: l’acqua gorgogliava e zampillava fino a rendere indistinguibili i contorni del paesaggio circostante. L’aria era umida e i due pastori, sul momento, non riuscirono a comprendere la portata della loro scoperta, pur sapendo di essere in un luogo straordinario.

Decisero dunque di vivere il resto della loro esistenza in una grotta nei pressi della sorgente. Ogni notte celebravano riti sacri in onore di Afrodite. Più passava il tempo, però, più si rendevano conto di non invecchiare. Erano diventati immortali.

Al di là della leggenda, nei pressi del borgo di Montevago, quindi proprio nella Valle del Belice, esistono davvero alcune acque termali dalle proprietà benefiche. Certo, non si può dire che siano in grado di regalare l’eterna giovinezza, però fanno sicuramente bene al nostro organismo!